Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Tassa di sbarco, Ciumei: “Aumenti? Scelta sbagliata”

Il sindaco e dirigente dell'Ancim, commenta la notizia dei possibili aumenti fino a 5 euro dell'imposta: "Pronto un emendamento che li scongiuri e assicuri che il tributo sia dovuto da tutti coloro che sbarcano nei nostri paradisi"

Tassa di sbarco, Ciumei: "Aumenti? Scelta sbagliata"

“Una scelta sbagliata”. Così il sindaco di Marciana Marina, Andrea Ciumei, dirigente dell’Associazione dei comuni delle piccole isole, commenta la notizia, pubblicata ieri, di un possibile aumento della tassa di sbarco: “Scelta sbagliata dettata dalla richiesta di pochi e contro la volontà di ANCIM – dice Ciumei – Consentire l’aumento del tributo richiesto attraverso l’imposta di sbarco, non solo tradisce il principio che ha portato i sindaci delle isole a chiederne l’istituzione – un piccolo tributo una tantum anziché un tributo giornaliero esclusivamente per gli ospiti degli alberghi – ma anche perché distoglie l’attenzione dalle nostre richieste legittime di implementazione dell’applicazione del tributo anche per coloro che arrivano sulle Isole con mezzi propri e non solo con le compagnie di navigazione che effettuano corse di linea. Per questi motivi ANCIM farà presentare un emendamento specifico alla Legge di stabilità che scongiuri l’aumento e assicuri che l’imposta di sbarco sia il tributo dovuto da tutti coloro che sbarcano nei nostri piccoli paradisi”.