Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Atroci delitti commessi quel giorno non possono essere giustificati

di Gianluigi Palombi (consigliere comunale)

Atroci delitti commessi quel giorno non possono essere giustificati

La storia non è controversa. E’ la sua interpretazione che può essere controversa, quando la realtà storica viene sottoposta a manipolazione, intenzionale o meno. Il caso in questione (Operazione Brassard) non è controverso in quanto i fatti accaduti sono riportati in maniera esatta e non sono certo risultato di interpretazione di una storiografia di parte, ma nascono da testimonianze vissute e da autentica documentazione ufficiale. Non è nemmeno giusto contrapporre la straordinaria azione di liberazione degli Alleati dal giogo nazi-fascista con gli strupri e le nefandezze perpetrate dai senegalesi a seguito delle truppe francesi. E’ una dicotomia che non deve essere accettata perché rischia di contaminare la grandezza di quella operazione di libertà. I senegalesi si sono macchiati di atroci delitti contro la popolazione campese e non possono essere certamente giustificati dal fatto che fossero i liberatori. I nostri compaesani avrebbero fatto a meno volentieri di questa tipologia di liberazione, che è costato troppo alla nostra cittadinanza, che ancora ne paga le conseguenze morali. Non ci può essere pacificazione per coloro che hanno ucciso, stuprato, distrutto. Per chi non è stato vittima di tali sorprusi è facile pacificare, soprattutto senza sentire il parere delle vittime e dei loro discendenti. E’ tutto così politically correct. Ma noi amministratori abbiamo il dovere di rappresentare tutta la comunità campese e difendere, innanzitutto, la memoria storica della nostra comunità che è ancora ferita.