Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“Il Pd d’accordo su un elbano? Dove e quando l’ha proposto?”

L'Udc: "Non vorremmo che il circolo locale, come al solito quando si tratta di scegliere fra il partito e il paese, abbia deciso di scegliere il partito"

"Il Pd d'accordo su un elbano? Dove e quando l'ha proposto?"

E’ molto importante la discussione aperta dal Sindaco di Rio Marina a proposito delle indicazioni degli enti locali per la nomina a presidente dell’Autorità portuale di Piombino e dell’Elba. E’importante perché Galli vuole rivendicare il diritto degli elbani di essere partecipi delle scelte che li riguardano direttamente. Inutile dire che le posizioni di principio espresse in questo caso dal sindaco di Rio Marina ci trovano consenzienti e ci fa piacere che la sua scelta sia caduta su Francesco Bosi, il nostro dirigente di maggior rilievo che tanto ha dato all’Elba e a Rio Marina. Del tutto fuori luogo e fuori misura appare, dunque, la reazione del PD riese, che esprime addirittura “sconcerto e rammarico” per l’indicazione del sindaco. All’affermazione del Pd secondo la quale la candidatura è stata avanzata senza un confronto con Portoferraio ha già risposto Galli, rivelando che è stata la Biscotteria a essersi sottratta. Alle obiezioni sulla persona di Bosi vorremmo replicare che quanto a professionalità, esperienza e competenza, l’on. Bosi non è sicuramente inferiore al presidente che ha retto finora le sorti dell’APPE o a quello che tutti davano per “predestinato” (e la stima di cui Bosi gode all’Elba e non solo non può essere intaccata dal livore un paio di soliti isolati disistimatori). Noi Crediamo che l’esperienza istituzionale e amministrativa di Bosi (consigliere comunale e regionale, assessore, sindaco, parlamentare e sottosegretario) costituisca un curriculum che pochi possono vantare. Quanto alla presunta mancata concertazione sul nome, infine, non vorremmo che questi confronti e incontri che oggi premono tanto ai PD piaggesi si fossero già svolti, in continente, a loro insaputa e contro gli interessi dell’Elba, che ancora una volta si troverebbe scavalcata per l‘insipienza o la troppa accondiscendenza di chi dovrebbe tutelarla. Insomma non vorremmo che il Pd locale, come al solito quando si tratta di scegliere fra il partito e il paese, abbia deciso di scegliere il partito. Se così non fosse, ci piacerebbe molto sapere dai dirigenti del Pd quali siano i criteri e i nomi che loro hanno individuato e in quale sede li abbiano fatti valere, per garantire quell’adeguata rappresentanza elbana che solo ora sostengono di voler tutelare.

UDC Rio Marina