Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Sede e reggenza, il personale del Foresi protesta

Preoccupazione per la mancata nomina del dirigente, perplessità "per l’operato dell’ente locale di competenza per non aver predisposto prima dell’inizio dell’anno scolastico la funzionalità dell'edificio di salita Napoleone"

Sede e reggenza, il personale del Foresi protesta

Il personale docente e ata (amministrativi, tecnici, ausiliari) dell’I.S.I.S. “Foresi” di Portoferraio, riunito in assemblea il 4 ottobre 2013,  esprime

preoccupazione per l’affidamento (per il secondo anno consecutivo) a reggenza della direzione dell’Istituto scolastico; si ribadisce che si tratta di una scelta inadeguata per la nostra realtà la quale, per le sue caratteristiche e la sua storia, richiede una dirigenza a tempo pieno;

perplessità per l’operato dell’ente locale di competenza per non aver predisposto prima dell’inizio dell’anno scolastico la funzionalità della sede di salita Napoleone (utilizzabile solo dal 1 ottobre, costringendo a orario ridotto per le prime due settimane di lezioni);

insoddisfazione per le condizioni ambientali dei plessi scolastici,

chiede

-all’Ufficio Scolastico Regionale che vengano garantite risorse aggiuntive sulla base di un progetto d’istituto volto a superare alcune criticità (comprese quelle relative alla sezione carceraria) che derivano dalla inevitabile presenza a tempo parziale del Dirigente Scolastico e dalla dislocazione dell’Istituto su quattro plessi;
– alla Provincia di Livorno e a tutti i Comuni elbani che si provveda a localizzare – finanziare – realizzare una sede nuova per i tre indirizzi liceali, in modo da garantire pari opportunità agli studenti elbani e rispetto dell’attività professionale e offrire opportunità formative adeguate al ruolo di una scuola moderna europea e alle aspettative sociali;
– a tutti i Comuni elbani di assumere un ruolo unitario di difesa dell’ISIS “Foresi” (professionale, alberghiero, licei) e di promozione delle sue attività, nella consapevolezza – non sempre e ovunque manifesta – che gli studenti del “Foresi” provengono da tutti gli 8 Comuni dell’Elba e con la lungimiranza politica di chi dovrà assumersi responsabilità anche nel campo dell’istruzione superiore;

ribadisce comunque di ritenere superata l’ipotesi di trasferimento all’ex Caserma “Tesei” alle Ghiaie; invita i consiglieri provinciali e i consiglieri comunali ad assumere iniziative tese a portare la questione all’attenzione delle rispettive assemblee consiliari, inclusa la individuazione, il finanziamento e la realizzazione di una sede nuova; proclama lo stato di agitazione a sostegno delle richieste; infine, rivolge un pensiero alla tragedia del Mediterraneo e partecipa al lutto nazionale indetto oggi in memoria delle vittime di Lampedusa.

L’assemblea del personale dell’ISIS “Foresi” di Portoferraio