Quantcast
Capitaneria, 6.500 miglia percorse per mare sicuro - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Capitaneria, 6.500 miglia percorse per mare sicuro

Il bilancio dell'operazione della Guardia costiera: al termine dell’estate sono stati 350 i bollini rilasciati ad altrettanti diportisti “virtuosi” su 1.185 imbarcazioni controllate. In tutto 299 uscite e 840 ore di navigazione

Capitaneria, 6.500 miglia percorse per mare sicuro

Conclusa la stagione turistica, è tempo di bilanci per la Guardia Costiera, soprattutto per l’operazione “Mare Sicuro” che ha l’obiettivo di vigilare per una corretta fruizione del mare, e reprimere comportamenti errati. L’edizione 2013 si è ufficialmente aperta il 24 giugno ed è terminata l’8 settembre, e – oltre al Comando principale di Portoferraio – ha visto l’attivazione di tre postazioni a Marciana Marina, Porto Azzurro e Marina di Campo, dove sono stati dislocati tre battelli pneumatici veloci e nove uomini, che hanno permesso un controllo ed intervento capillare sul litorale, affiancandosi agli Uffici minori già presenti in quelle località oltre che nelle sedi di Rio Marina e Cavo. Accanto a queste vanno ricordate anche le attività in convenzione con il Parco, per la tutela delle acque delle isole di Pianosa e Montecristo: dall’8 luglio al 15 settembre, è stata assicurata la presenza su Pianosa, di una motovedetta e del relativo equipaggio. Una stagione, dunque, che si è conclusa in positivo, soprattutto per gli incidenti in mare che sono stati fortunatamente pochi rispetto agli anni passati. Questo grazie – oltre che alle attività di vigilanza e controllo – anche per una maggiore attenzione ai bisogni dell’utenza, turistica e residenziale. In questo senso è andata la predisposizione degli “info point” per dare risposta alle domande più frequenti. Inoltre è stata rafforzata la campagna divulgativa del numero blu 1530 – mediante il quale segnalare le emergenze in mare – attraverso una cartellonistica digitale diffusa su tutto il territorio isolano e sui traghetti di linea. A questo proposito va ricordata la rubrica televisiva settimanale, andata in onda nei mesi di luglio e agosto all’interno del telegiornale della nostra emittente Teleelba. Fondamentale anche l’attività di informazione e collaborazione con diversi sodalizi nautici e centri di immersione subacquea. Una efficace novità di questa stagione si è dimostrato il “bollino blu” a favore dei diportisti: il rilascio di un apposito bollino adesivo a seguito di un accertamento di regolarità delle dotazioni di bordo, che ha così evitato allo stesso utente le stesse verifiche degli stessi o di altri agenti incaricati del controllo.

Al termine dell’estate sono stati ben 350 i bollini rilasciati ad altrettanti diportisti “virtuosi” a fronte di 1.185 imbarcazioni controllate. Tutte queste attività, tradotte in numeri, ha condotto ad un bilancio di 6.482 miglia nautiche percorse a fronte di 299 uscite e 840 ore di navigazione. Le persone soccorse sono state 40 e 12 le unità assistite. All’attività in mare si è affiancata un’intensa opera di verifica a terra, principalmente indirizzata al rispetto delle norme in materia di demanio marittimo, di tutela delle risorse ittiche e di natura ambientale: sono stati contestati 247 verbali amministrativi – principalmente in materia di diporto per violazione delle norme che disciplinano l’attività balneare e la navigazione in prossimità delle coste – e 17 denunce per occupazioni abusive sul pubblico demanio marittimo, con relativi sequestri delle attrezzature utilizzate..