Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Staccano la luce al tribunale, serve un gesto forte di tutti

di Roberto Peria (sindaco di Portoferraio)

Staccano la luce al tribunale, serve un gesto forte di tutti

Nonostante le rassicurazioni arrivate da importanti parlamentari, riportate da alcuni colleghi e le disponibilità al dialogo, riferite dall’ANCIM, il tempo per la Sezione Distaccata del nostro tribunale è finito. Game over. Nella mia posta elettronica di ieri sera vi era un messaggio, proveniente dall’Amministrazione Giudiziaria ed inviato all’Ufficio Tecnico, del seguente tenore: “Il 13/09/2013 la sezione distaccata del Tribunale di Portoferraio dovrà chiudere e verrà accorpata con il Tribunale di Livorno, con lo spostamento di tutto il personale e di tutte le attrezzature in essa contenute”. In particolare veniva richiesto il distacco della parte elettrica, dell’impianto di rilevazione delle presenze del personale, oltre al distacco dei microfoni con i relativi cavi di collegamento all’impianto di fonoregistrazione posto nell’aula penale.

Di fronte a questi ulteriori ed ormai definitivi sviluppi è chiaro che, o nelle prossime ore, da parte del territorio, vi sarà una presa di posizione forte e determinata, o non vi sarà alcuna possibilità di mantenere in piedi un presidio fondamentale per il territorio. Domani ci vedremo con i colleghi sindaci. In altre realtà i sindaci sono saliti sul tetto del tribunale, con il parroco e la cittadinanza, gli avvocati si sono fatti mettere – tutt’altro che simbolicamente – sulle croci, sono state occupate autostrade e non è stato comunque ottenuto alcun risultato.

Serve un gesto forte, un’azione generosa e di tutti. Senza gesti di alto valore morale ed istituzionale, senza che siano soprattutto fatti da tutti noi, ogni altro intervento è inutile e velleitario. L’Elba superi il silenzio assordante di questi giorni, le contrapposizioni da pollaio e gli egoismi politici. O l’Elba tornerà così indietro nei diritti fondamentali, da non poter guardare negli occhi i nostri figli.