LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Festival, stasera di scena Brunello e il suo “violincello”

L'Orchestra dei Solisti di Mosca sarà diretta dal violoncellista italiano che nell’occasione suonerà Bach con uno strumento particolare, da lui stesso modificato

Festival, stasera di scena Brunello e il suo “violincello”

La protagonista principale della terza serata dell’Orchestra I Solisti di Mosca al Festival “Elba Isola Musicale d’Europa” è la musica di Bach e Vivaldi. La eseguono i solisti-violinisti coniugi Viktor Tretiakov e Natalia Likhopoj, il violoncellista Mario Brunello, che inoltre dirige l’orchestra della quale fa parte il clavicembalista Mikhail Muntian. L’originalità del programma consiste nel raffinato “intreccio” tra i Concerti originali di Vivaldi trascritti da Bach, ed i Concerti originali di Bach; in più Mario Brunello, instancabile ricercatore di novità da aggiungere al suo già vastissimo repertorio, userà per l’esecuzione del Concerto di Bach “per violino basso” in mi maggiore BWV 1042 un particolare strumento, il VIOLINCELLO, cioè un autentico violoncello di piccole dimensioni che in originale possiede cinque corde, ma al quale Brunello ha tolto una corda, trasformandolo in un violino che suona ad un’ottava più bassa. La stessa operazione riguarderà il Concerto di Vivaldi in re maggiore RV 230 trascritto da Bach dal II Libro dell’Estro armonico, diventato nel catalogo di Bach Concerto BWV 972. Inoltre nel corso della serata si ascolteranno il Concerto Brandeburghese n.3, il Concerto per due violini in re minore, un’Aria dalla Passione secondo Matteo, tutto di Bach, e ancora due Concerti originali di Vivaldi: per violoncello e archi in do maggiore e Concerto per violino e archi in re minore.