Quantcast
"Elba, isola musicale d'Europa", stasera tocca a Bashmet - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“Elba, isola musicale d’Europa”, stasera tocca a Bashmet

Arrivano i I Solisti di Mosca e al primo concerto partecipa la giovane pianista italiana Vanessa Benelli Mosell, già nota al pubblico elbano come vincitrice dell'Elba Festival Prize

"Elba, isola musicale d'Europa", stasera tocca a Bashmet

Al Festival “Elba Isola Musicale d’Europa”, dopo la giovanissima pianista Beatrice Rana, i due concerti jazz, il fagottista Diego Chenna ed i “Pirati del barocco”, arriva la “tradizionale” Orchestra I Solisti di Mosca diretta da Yuri Bashmet.

Al primo concerto partecipa la giovane pianista italiana Vanessa Benelli Mosell, già nota al pubblico elbano come vincitrice dell’Elba Festival Prize conferitole dal Presidente Yuri Bashmet nel 2004. Negli anni successivi la Benelli Mosell ha frequentato il Conservatorio di Mosca ed ha suonato spesso sotto la direzione dello stesso Bashmet.
Stasera eseguiranno insieme, con l’orchestra composta da soli archi, il Concerto op.11 di F. Chopin scritto nel 1830, alla vigilia della partenza del giovane musicista polacco per l’estero, da cui non avrebbe più fatto ritorno in patria. Prima di affrontare l’esecuzione con l’orchestra il ventenne Chopin volle provare il Concerto con un semplice quartetto d’archi, indicando così una variante possibile della sua opera. Interessante ricordare che la “prima” a Varsavia fu diretta dall’italiano Carlo Evasio Soliva, al quale è intitolato oggi un Concorso pianistico a Monferrato.
Nella seconda parte Yuri Bashmet nelle vesti di solista e direttore eseguirà il Concerto di Georg Philipp Telemann in sol maggiore per viola e archi, che risale al 1720, e risulta essere il primo concerto per viola del quale si abbia notizia. Infine verrà eseguita la Sinfonia n.8, opera giovanile di Franz Joseph Haydn, detta “La Sera” o “La tempesta”, pure in sol maggiore. Composta nel 1761, ad appena pochi mesi dall’assunzione presso il principe Esterhàzy, e per soddisfare il desiderio del principe ungherese, fa parte del ciclo sinfonico dedicato a tutte le ore del giorno. La sinfonia ha soddisfatto non solo il committente ma anche numerosi professori d’orchestra, poiché contiene non pochi difficili assoli.
Per informazioni e prenotazioni: chiamare Tel. 0565 914 772 sito del festival: www.elba-music.com