LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Stasera al teatro dei Vigilanti arrivano i “pirati” del barocco

Protagonisti del concerto delle 21 e 15 i Red Priest, con la loro miscela unica di prassi esecutiva, virtuosismo strumentale, libertà reinterpretativa

Stasera al teatro dei Vigilanti arrivano i "pirati" del barocco

Stasera il Festival Elba Isola Musicale d’Europa ritorna al Teatro dei Vigilanti di Portoferraio. Sul palco salgono 4 musicisti inglesi: i RED PRIEST, l’unico gruppo di musica antica al mondo ad essere stato paragonato dalla stampa mondiale ai Rolling Stones, Jackson Pollock, ai Marx Brothers, Spike Jones e al Cirque du Soleil. Formato nel 1997 l’ensemble a tutt’oggi tiene più di 70 concerti all’anno in festival di prestigio e nelle più importanti sale da concerto in Europa, America, Australia. La formazione comprende il flautista Piers Adams, la violinista Julia Bishop, la violoncellista Angela East e il clavicembalista David Wright.

Lo stile interpretativo di RED PRIEST è una miscela assolutamente unica di prassi esecutiva, virtuosismo strumentale diabolico, libertà re-interpretativa dei pezzi in un singolare stile gipsy. Il loro repertorio spazia dalle sonate sconosciute del 17° secolo alle più famose opere di Bach e Vivaldi, il tutto presentato con fantasiosi programmi dai titoli cinematografici, come ad esempio ‘Pirates of the Baroque’.

Gli allegri e brillanti interpreti si vedono come “pirati” nel campo musicale. E come i compositori del passato cercano le novità e i tesori nascosti per stimolare orecchio e anima. La loro pirateria consiste nel trasformare i temi dell’epoca barocca attraverso degli arrangiamenti di loro fantasia. Così di G.P. Telemann presentano la Sonata Zingara, di G.F. Haendel Vo Far Guerra, tratto da Rinaldo, di T. Albinoni l’Adagio, nell’elaborazione di Remo Giazzotto (forse semplicemente inventato dall’ “arrangiatore”), del grande Bach la famosa Toccata in Re Minore, considerata a sua volta un arrangiamento fatto da un suo allievo. Tutta questa pirateria ha luogo nel mare di F. Couperin (Tromba Marina, Lamento e Cornamusa del Diavolo), di G. Tartini (Senti lo Mare) e di A.Vivaldi (La Tempesta di Mare).