LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Con il nuovo porto San Giovanni non corre alcun pericolo

di Umberto Buzzoni (Esaom Cesa)

Con il nuovo porto San Giovanni non corre alcun pericolo

Caro Luigi*, ho letto attentamente il tuo intervento, grazie al quale colgo l’occasione, a nome della società che rappresento – ESAOM CESA S.p.A. (impresa capogruppo del soggetto attuatore del “Porto Cantieri”) -, per spiegare e tranquillizzare l’opinione pubblica, ma soprattutto i gestori delle Terme di San Giovanni, sulla problematica da te sollevata. Tale aspetto è già stato oggetto di un approfondito studio da parte dei nostri progettisti; infatti, dall’analisi storica sull’evoluzione fisiografica della lingua di terra denominata “Punta della Rena” non risultano apprezzabili insabbiamenti che abbiano determinato un avanzamento della lingua stessa verso il mare. I rilievi eseguiti negli ultimi dieci anni testimoniano una sostanziale stabilità della foce del fosso ed il ridotto apporto solido dello stesso. Il progetto prevede, proprio per evitare la dispersione dei materiali verso le terme, di realizzare una spiaggia che possa accogliere anche l’eventuale trasporto solido di fondo del fosso della Madonnina e consenta, quindi, di monitorarne in continuo i volumi di apporto. Certamente sin dall’inizio delle opere saranno impostati piani di monitoraggio del trasporto solido e sarà valutata anche la possibilità di effettuare interventi di ripascimento lungo il litorale verso San Giovanni.

Spero di aver chiarito ogni Tuo “dubbio” a dimostrazione dell’accurato e dettagliato studio tecnico-progettuale del nostro progetto. Credo sia corretto, trasparente e costruttivo “sollevare” dubbi e/o avere maggiori informazioni sul nostro progetto, senza creare, però, allarmismi infondati e/o falsi problemi che potrebbero indurre l’opinione pubblica ad errate valutazioni e conclusioni sulla realizzazione di un’opera indispensabile ed importante per l’Isola d’Elba ed in particolar modo per la città di Portoferraio. Infine, approfitto della presente, per invitare chiunque abbia la necessità di avere informazioni di qualsiasi genere sul progetto a contattare i nostri uffici aziendali di Portoferraio per fissare un’incontro con me e, nell’eventualità, con i nostri tecnici, per rispondere ad ogni richiesta d’informazione.

*LETTERA DI RISPOSTA ALL’INTERVENTO DI LUIGI LANERA (ELBA PROTAGONISTA) “I LAVORI PER IL NUOVO PORTO DEVONO PRESERVARE SAN GIOVANNI”, PUBBLICATO IERI