LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Le visite da Firenze? Io non ringrazio chi ci toglie tutto

di Roberto Marini (capogruppo "Gente Comune")

Le visite da Firenze? Io non ringrazio chi ci toglie tutto

“Ringrazio l’assessore per la bella sorpresa e per l’attenzione dimostrata – ha voluto commentare il sindaco di Portoferraio Roberto Peria – ci siamo confrontati con lui sull’attuazione degli accordi di programma e ci riteniamo soddisfatti” .
Soddisfatti di che? La Regione ha preso già una serie di impegni non ancora del tutto completati con l’accordo del novembre 2012; le cose continuano a non funzionare; nel corso dell’estate si sono verificati disservizi che ci hanno portato, come sempre, sulle cronache dei giornali, e noi dobbiamo ringraziare e, soprattutto, ci dobbiamo ritenere soddisfatti?!!
Dopo circa due anni che l’ascensore per l’accesso alla struttura ospedaliera è rotto, costringendo malati e persone anziane a faticose arrampicate; dopo che si è ripetuto il guasto all’ascensore che porta alla piattaforma dell’elisoccorso, causando così disagi e ritardi nel trasferimento di un paziente grave, l’Assessore in vacanza all’Elba dichiara: “Abbiamo affrontato oggi in particolare il problema degli ascensori – questa la novità più importante annunciata – decidendo di raddoppiarli, sia quello dell’accesso principale che quello esterno che porta sulla piazzola.” Assessore, ma di che cosa stiamo parlando?

Nonostante l’arrivo dei medici , la nostra struttura non ha ancora, di fatto, incrementato i servizi offerti ai cittadini: il Pegaso continua a farsi due – tre viaggi al giorno e gli interventi ortopedici continuano a farsi presso il Presidio Ospedaliero di Piombino. Però dobbiamo ringraziare. Ringraziare l’assessore regionale alla sanità, nella persona di Marroni o quant’altri, è come la vittima che ringrazia il proprio carnefice. Forse dobbiamo ringraziare del fatto che, per questioni politiche, la nostra struttura sanitaria è divenuta la stampella di quella piombinese; dobbiamo ringraziare perché molti nostri concittadini per potersi curare sono costretti a sostenere disagi e spese per recarsi in altre strutture. Bravo Peria, continuiamo sulla strada dell’asservimento alle politiche della val di Cornia: ospedale, porti e quant’altro. L’ Elba può attendere.