Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Paesaggio, memoria e prodotti. L’isola vista nell’incontro con ArteElba

Al Grigolo il terzo appuntamento con la rassegna curata da Francesca Groppelli nella sede della Lega Navale Italiana, con Cambi, Cunico, Arrighi e Marchese

Paesaggio, memoria e prodotti. L'isola vista nell'incontro con ArteElba

Nella storica sede della Lega Navale Italiana di Portoferraio si è svolto il terzo incontro della rassegna Nonsoloarte 2013, la rassegna curata da Francesca Groppelli, presidente dell’Associazione culturale ArteElba, associazione nata come progetto per la rivalorizzazione culturale, sociale e ambientale di un “luogo” particolare: il Grigolo. Questo “luogo” costituisce uno spazio “fisico”, non virtuale, una piazza dove è possibile incontrarsi in maniera simpatica e informale, per condividere idee, conoscenze ed esperienze. Il terzo incontro, intitolato “Arcipelago nascosto” è stato organizzato da ArteElba in collaborazione con l’Associazione Italia Nostra sezione Giglio-Elba e con il patrocinio del Comune di Portoferraio. La prima parte è stata dedicata alla natura e all’ambiente, con la presentazione del libro dell’Architetto del paesaggio Maria Pia Cunico e della paesaggista e progettista di giardini Paola Muscari intitolato “Arcipelago nascosto”. Si tratta della continuazione e dell’ampliamento del precedente testo “Giardini nell’Isola d’Elba”, in cui le autrici hanno illustrato aspetti particolari e poco conosciuti dell’Elba e delle altre isole dell’Arcipelago. Particolarmente suggestivo è stato il discorso sui “giardini abbandonati” presso antiche ville e addirittura presso un luogo di detenzione, che suscitano ancora il particolare fascino dell’opera dell’uomo quando è in parte riconquistata dalla natura. In seguito è intervenuto il professor Franco Cambi che ha illustrato la ricerca che attualmente sta portando avanti sulla rada di Portoferraio: gli scavi di San Giovanni, gli studi sui “Capi Bianchi” e la suggestiva ipotesi di un probabile tempio di Eracle preesistente nell’attuale zona portuale Cambi ha messo particolarmente in evidenza la responsabilità che abbiamo tutti, amministratori e cittadini nella salvaguardia di un ambiente prezioso minacciato da affollamento e degrado. Il terzo intervento della serata è stato quello di Antonello Marchese che ha presentato la sua ultima pubblicazione “Portoferraio porto sicuro nella storia della Toscana: un excursus storico con descrizioni dei luoghi, corredato da bellissime fotografie dell’autore stesso. Infine l’ultimo intervento è stato quello di Antonio Arrighi, il produttore che ha offerto il vino per il brindisi finale, che ha illustrato una sua interessante esperienza: la vinificazione entro recipienti di terracotta che riprende l’antico sistema usato dagli antichi romani, i “dolia” di cui aveva parlato Cambi. A completamento della serata sono stati proposti ai convenuti due video, uno della L.N.I. sulla regata storica svoltasi in primavera a Portoferraio e l’altro, “Il castello del Volterraio: da sentinella a …” realizzato dai bambini della classe terza dell’Istituto Comprensivo di San Rocco. La serata si è conclusa con una esibizione di tango, riprendendo così una vecchia tradizione che vedeva il Grigolo come luogo di gioiosa socializzazione e piacevole svago. L’auspicio, come ogni anno, è di riuscire a coinvolgere i partecipanti e suscitare il loro interesse e stimolare dibattiti e riflessioni sull’Elba e l’arcipelago nei suoi differenti aspetti. Lo scopo principale della rassegna è sempre più quello di mettere in luce le eccellenze e le grandi potenzialità del territorio, di aprire nuove collaborazioni con coloro che da anni cercano di valorizzare il luogo in cui noi tutti viviamo, l’Isola d’Elba e l’Arcipelago toscano. Questo il calendario di Nonsoloarte 2013 con gli incontri si svolgeranno al Grigolo, nella sede della LNI Portoferraio sempre alle ore 21.30:

25 Agosto, I viaggiatori dell’800 in cerca di indizi della natura Incontro con Franca Zanichelli, direttore del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano. L’ingresso è libero, per informazioni e-mail: ass.arteelba@gmail.com