LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“Diario dall’inferno”, domani presentazione del libro

Il diario di guerra e di prigionia del brigadiere della Regia Guardia di Finanza Romolo Fanetti, inviato per servizio alla frontiera di Brunico, a Talamone e a Rio Marina, e catturato sul confine greco dai tedeschi

"Diario dall'inferno", domani presentazione del libro

Domani sera presso Il Libraio sarà presentato il libro di Romolo Fanetti. Il titolo, “Diario dall’inferno”, dice tutto. E’ il diario di guerra e di prigionia del brigadiere della Regia Guardia di Finanza Romolo Fanetti appunto, nato a Siena nel 1910 che dopo essere stato inviato per servizio alla frontiera di Brunico, a Talamone, all’isola del Giglio e infine a Rio Marina, è trasferito al confine Greco-albanese dove viene catturato dai tedeschi e deportato in Germaia nel campo di concentramento di Hammertal. Ci resterà 17 mesi e il libro è un diario che pagina dopo pagina racconta i giorni che vanno dall’8 settembre del 1943 fino al 15 aprile del 1945, una cronaca puntuale, una testimonianza che non possiamo e non dobbiamo dimenticare. Il maresciallo maggiore Fanetti dagli anni successivi alla guerra fino al 1961 è stato in servizio effettivo permanente per diventare poi ufficiale principale di dogana a Portoferraio. Ha ricevuto la Croce d’Oro al merito di servizio, due Croci al merito di guerra, il Distintivo d’Onore per i Volontari della libertà e un assegno vitalizio come reduce da un campo di concentramento nazista. Sull’Isola d’Elba è uno dei fondatori della Associazione Nazionale dei Finanzieri in congedo. Il nipote Luca Fanetti insieme alla Guardia di Finanza di Livorno è riuscito a far pubblicare “Diario dal’Inferno” che si trova in mostra presso il Museo Storico della Guardia di Finanza a Roma. Il diario originario era scritto a mano, poi, nel 1979, sei anni prima della sua morte, Romolo Fanetti provvide a farne una copia dattiloscritta su veline e rilegata da un semplice cartoncino. L’unica testimonianza della prigionia, poi diventata il libro che verrà presentato dal professor Stefano Bramanti, presidente del circolo Culturale Sandro Pertini, alle ore 21,30 presso il Libraio.