Quantcast
Il Pd: "Serve una sola voce, sia la Conferenza dei sindaci" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Il Pd: “Serve una sola voce, sia la Conferenza dei sindaci”

I Democratici in vista della festa e dell'incontro col segretario regionale: "Necessaria una politica unitaria e accordo di programma con la Regione. Dopo il no al referendum bisogna istituzionalizzare il tavolo dei Comuni"

Il Pd: "Serve una sola voce, sia la Conferenza dei sindaci"

Il 20 agosto alle ore 18,30 nell’ambito della Festa del Partito Democratico a Portoferraio presso i Giardini delle Ghiaie, è in programma un dibattito pubblico con la partecipazione del segretario regionale Pd Ivan Ferrucci, il segretario di Federazione Elba Val di Cornia Valerio Fabiani e il segretario della Zona Elba Federico Mazzei. Argomento il Progetto Elba e i nuovi possibili assetti Istituzionali alla luce della probabile abolizione delle Provincie. Il Partito Democratico elbano ricorda di essere “fortemente impegnato nel promuovere impegni legislativi specifici a favore delle piccole Isole in considerazione del fatto che fra i tanti nostri territori disagiati, bisognosi di particolari attenzione sia da parte di governi locali che nazionali, quelli delle isole minori necessitano, proprio per le loro caratteristiche orografiche così peculiari, di impegni programmatici e legislativi a loro specificatamente dedicati”. Inoltre sottolinea di avere “già presentato un progetto di legge per la tutela di tali territori sottoponendo all’attenzione del legislatore i vari aspetti socio economici che interessano le piccole isole e che vanno normati con legislazioni speciali; ne indichiamo soltanto alcuni: la sanità, la scuola, i trasporti, il lavoro per i giovani, incentivi per un maggiore sviluppo economico”. “L’Isola d’Elba – dicono dal Pd – è la terza isola d’Italia per dimensione nonché per numero di abitanti e dunque soffre ancora di più di tale discriminazione. La necessità di una programmazione unitaria del suo territorio sotto i molteplici aspetti della sua vita socio economica, diventa dunque impellente e non ulteriormente rimandabile pena la sua definitiva decadenza. Affinché questo sia possibile è quanto mai necessario che la legislazione regionale se ne faccia carico attraverso un particolareggiato accordo di programma che ponga al centro della sua attenzione sia le criticità di tutto l’Arcipelago toscano che quelle che ci riguardano in modo particolare. Perché ciò sia realizzabile è anche necessario che la Regione abbia un unico interlocutore soprattutto in considerazione della prossima probabile abolizione delle Province che ci vedrebbe, secondo il progetto di legge presentato, totalmente esclusi da qualsiasi gestione comprensoriale”.

Secondo il Pd “la divisione in otto comuni ha penalizzato e continua a penalizzare il governo del nostro territorio insulare pur avendo esso caratteristiche del tutto omogenee. Nonostante che l’opinione pubblica elbana si sia espressa attraverso il referendum in modo contrario alla creazione di un unico comune, diventa impellente la richiesta prima di tutto da parte dei nostri cittadini, proprio per soddisfare suoi bisogni primari, di avere un organismo che possa dialogare unitariamente con la Regione, istituzione che ha competenze legislative esclusive in tantissimi settori della nostra vita socio economica e che possa adottare tutti i provvedimenti conseguenti per un’Amministrazione uniforme del nostro territorio di cui esso ha impellente bisogno. Riteniamo che l’unico strumento adeguato e tutt’ora disponibile per ottenere un tale risultato sia la istituzionalizzazione definitiva della Conferenza dei sindaci che possa essere competente non solo per la Sanità, ma per tutti i settori le cui criticità tutti noi conosciamo. Chiediamo dunque ai nostri cittadini di sollecitare insieme a noi tutte le nostre amministrazioni comunali al fine di ottenere questo risultato. Di questo parleremo nel nostro incontro del 20 e ci auguriamo che tanti elbani possano partecipare”.