LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Arrivano le bollette Tares: quanto pagano case e ditte

Partite le raccomandate per il pagamento della nuova tassa sui rifiuti. A Portoferraio il rincaro medio si aggira sul 6% per le abitazioni. Per le attività commerciali si pagherà un po' meno. Le riduzioni di Marciana Marina

Arrivano le bollette Tares: quanto pagano case e ditte

Stanno arrivando le prime bollette per pagare la Tares, la tassa sui rifiuti che a Portoferraio sostituisce la Tia e negli altri comuni elbani la Tarsu. Nel capoluogo le scadenze sono tre, la prima entro il 31 luglio, la seconda entro il 30 settembre e la terza entro il 30 novembre, altrimenti pagabili in un’unica soluzione entro il 30 settembre 2013. Intanto però le prime bollette sono arrivate tramite lettera raccomandata in ritardo sui termini di scadenza ma ci sono 30 giorni di tempo per portare a termine il pagamento della prima rata. A Portoferraio il rincaro medio della Tares si aggira sul 6%, per quanto riguarda le abitazioni mentre, come annunciò qualche tempo fa il sindaco Roberto Peria, le attività commerciali, rispetto alla vecchia Tariffa di igiene ambientale andranno addirittura a pagare qualcosa di meno. A Marciana Marina sono state rese pubbliche le esenzioni previste per il pagamento della tassa come nel caso in cui c’è produzione di rifiuti speciali non assimilati. I locali e le aree del paese dove si formano rifiuti speciali non assimilati ad urbani non sono soggetti al tributo a condizione che “il produttore ne dimostri l’avvenuto trattamento in conformità alla normativa vigente”. Per quanto riguarda le utenze domestiche per i soggetti che prevedono al compostaggio domestico è prevista una riduzione del 30% della quota variabile della tariffa del tributo, del 15% in caso di non residenti. Sono previste riduzioni tariffarie anche per abitazioni che sono abitate solo per alcuni giorni l’anno. Inoltre l’amministrazione marinese, compatibilmente con le disponibilità di bilancio può concedere agevolazioni a tutela delle fasce più deboli della popolazione residente o ad associazioni senza scopo di lucro con sede nel territorio comunale.