LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Immigrazione e microcriminalità, i controlli dell’Arma

Un marocchino accompagnato in Questura per ulteriori accertamenti: regolari gli altri controllati. Eleveta poi una contravvenzione al codice della strada e tre minori segnalati alla Prefettura per possesso di marijuana

Immigrazione e microcriminalità, i controlli dell'Arma

Un’ operazione di controllo iniziata la mattina e terminata alle 2 di notte è stata messa in atto tra giovedì e venerdì, dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Portoferraio e dalle stazioni di Marciana Marina, Portoferraio e Rio Marina.

I carabinieri, al mattino, hanno passato al setaccio alcune aree di ritrovo di nomadi nell’ambito di un’attività di prevenzione di reati predatori in genere. In tutte le microaree interessate dai controlli sono stati identificati tutti i presenti e verificata la legittimità della permanenza sul territorio italiano, con accertamenti anche ai mezzi in loro possesso.
I controlli a tappeto, finalizzati inoltre a garantire la sicurezza dei cittadini e delle attività produttive della zona oltre che censire la popolazione nomade e verificare irregolarità e problematiche, soprattutto dal punto di vista igienico-sanitario ed eventualmente procedere con le segnalazioni ai servizi sociali comunali, hanno permesso di identificare compiutamente circa venti persone, delle quali 9 sono state accompagnate presso gli uffici del Comando Compagnia per approfondire gli accertamenti ritenuti necessari. Tutti gli stranieri controllati erano in regola con la normativa di permanenza sul territorio nazionale, in quanto di nazionalità rumena, e quindi appartenenti alla comunità europea.
Nella tarda serata i carabinieri hanno invece effettuato un servizio a largo raggio nei settori orientale ed occidentale dell’isola, al fine di prevenire reati contro il patrimonio, che ha consentito di sottoporre a controllo circa 50 persone e 40 veicoli. Una sola contravvenzione al codice della strada è stata elevata, per un’omessa revisione, mentre tre minori sono stati segnalati all’autorità prefettizia poiché sorpresi in possesso di 8 grammi circa di marijuana, per uso personale. Un cittadino di origine marocchina è stato accompagnato presso l’ufficio immigrazione della Questura di Livorno, per accertamenti sulla regolarità della sua permanenza sul territorio italiano.