Quantcast
Il museo di San Piero sarà punto di riferimento mondiale - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Il museo di San Piero sarà punto di riferimento mondiale

di Giuseppe Tanelli (Università di Firenze)

Il museo di San Piero sarà punto di riferimento mondiale

Domenica 21 luglio è stato inaugurato, nei locali rinnovati della ex-Scuola elementare a fianco della Chiesa-Fortezza di San Nicolò, il Museo mineralogico e gemmologico di San Piero. Una nuova tessera nel prezioso mosaico dei luoghi del turismo culturale dove possiamo scoprire il fascino delle bellezze naturali e della storia dell’Isola d’Elba. Il Museo è stato voluto e finanziato dal Comune di Campo, dalla Regione Toscana e dalla Unione Europea. Fausto Carpinacci e Gian Mario Gentini sono stati i primi infaticabili artefici di questo intervento. Federico Pezzotta, curatore della Sezione di Mineralogia del Museo Civico di Storia Naturale di Milano è stato colui che ha ricercato i campioni, storici e recenti, esposti nelle sale del Museo, curandone la rigorosa descrizione scientifica e il suggestivo allestimento.

L’Elba è stata definita come un grande Museo mineralogico all’aperto, e i suoi campioni sono esposti nei più prestigiosi musei naturalistici del nostro Paese e del Mondo: da Firenze, Napoli, Pisa , Milano,… a Londra, New York, Parigi, Vienna, Tokio, Praga,… solo per citarne alcuni. All’Elba una bella collezione particolarmente dedicata ai minerali dei giacimenti ferriferi, è esposta nella sede del Parco Minerario e Mineralogico di Rio Marina. Oggi le tormaline policrome, i grandi cristalli di ortoclasio, il candore dei cristalli di albite, i tenui azzurri delle acquemarine, accanto alle perfette forme di bellissimi cristalli di ilvaite, pirite e oligisto esposti nelle bacheche del Museo di San Piero, sono un nuovo trionfo delle bellezze geologiche dell’Elba. Il Museo è destinato ad essere un punto di riferimento culturale e scientifico di risonanza mondiale e sarà sicuramente una tappa, piena di colori e suggestioni, nel cammino dei tanti “viaggiatori leggeri” che oltre al mare ed al sole vogliono scoprire le tante “bellezze” dell’Isola.