Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Rio Marina piange la scomparsa di Carlo d’Ego

Cronista, fotografo, è stato per 50 anni corrispondente dal paese, che ha amato e raccontato in tutti i modi e con tutti i mezzi, partecipando alla vita sociale e culturale. Aveva 86 anni. Oggi alle 10 i funerali a Santa Barbara

Rio Marina piange la scomparsa di Carlo d'Ego

Nella sua Rio Marina, durante la notte scorsa e all’età di 86 anni, è morto Carlo Carletti. Carlo D’Ego; con questa firma era conosciuto da tutti e così da tutti sarà ricordato. Anche da tanti lettori: del Tirreno, di cui era corrispondente fin dagli anni Cinquanta, e della Piaggia, il trimestrale riese che trent’anni fa aveva contribuito a fondare e di cui, fin da subito, è stato direttore responsabile. Così lo chiamavamo affettuosamente noi, amici e collaboratori. E così lo chiamavano i riesi, per cui era un punto di riferimento importante. Carlo aveva lavorato a lungo in Comune, praticamente in ogni ufficio municipale. E della sua Rio Marina, che egli amava di un amore intenso, Carlo è stato una delle figure di maggior rilievo e fin dagli anni Cinquanta ha contribuito a scriverne la storia, non solo con le sue cronache e con i suoi libri, scritti per divulgare e valorizzare quella che lui amava definire ” la riesità”, ma anche promuovendo tutte, o quasi, le iniziative culturali, sportive e folkloristiche che hanno animato il paese fin dal Dopoguerra. Carlo aveva, come si dice, il senso della notizia e quella curiosità intellettuale che gli facevano cogliere anche ciò che agli altri poteva apparire scontato o insignificante, quel quid che poi trasferito sulla carta stampata, con buon gusto e con passione, diventava un pezzo di pregio, un “pezzo unico”. Carlo era un cronista a tutto tondo: fin da giovane amava e si dilettava con successo di fotografia e di filmografia e ci ha lasciato dei documenti che oltre ad essere già storia di Rio Marina e dell’Elba intera, sono stati ripresi e divulgati da importanti riviste e network italiani e internazionali. E alcune sue cartoline – in particolare una ricavata da una foto scattata a Pianosa durante una regata velica – hanno fatto praticamente il giro del mondo. Carlo non si è limitato a raccontare ciò che gli accadeva intorno, ma in mille occasioni è stato anche un appassionato artefice di battaglie in favore della sua Rio Marina, che oggi gli porgerà l’ultimo saluto, nel corso dei funerali che saranno celebrati alle 10 nella chiesa di Santa Barbara.

Lelio Giannoni