Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Bicentenario napoleonico, tavolo fra gli enti per le celebrazioni

Ieri mattina l'incontro fra i soggetti istituzionali legati alla promozione degli eventi che commemorano l'arrivo e permanenza di Napoleone all'Isola

Bicentenario napoleonico, tavolo fra gli enti per le celebrazioni

Ieri mattina alla residenza napoleonica Villa dei Mulini di Portoferraio si sono incontrati i soggetti istituzionali legati alla promozione delle celebrazioni del bicentenario dell’arrivo e permanenza di Napoleone all’Isola d’Elba. All’appuntamento erano presenti la Direzione Regionale per i Beni culturali della Toscana, la Soprintendenza, la Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno, la Regione Toscana, la Provincia di Livorno, i Comuni di Portoferraio e Marciana.

Concordata la stipula di un protocollo d’intesa che prevede un tavolo tecnico organizzativo il cui capofila sarà il comune di Portoferraio in collaborazione con la Fondazione CRL e la direzione dei musei. Su invito della Provincia di Livorno, è stata accolta la proposta di inserire tra i soggetti promotori anche il Comune di Piombino tenuto conto che il Principato di Piombino è stato retto per lunghi anni da Elisa Bonaparte Baciocchi. Nell ‘incontro sono state individuate le proposte di esposizioni e manifestazioni culturali ed altre attività finalizzate alla valorizzazione e alla tutela del patrimonio di beni culturali di origine e cultura napoleonica, in relazione alle opportunità di promozione dell’Elba quale polo turistico culturale, tenuto conto che il turismo culturale è l’unico a registrare andamenti positivi in questi ultimi anni. Evento principale saranno grandi mostre nelle due residenze e rievocazioni storiche, anche se nell’intenzione degli organizzatori c’è anche l’impegno a prommuovere iniziative, mostre, manifestazioni a tema, per il biennio 2014 – 2015. Altri incontri con gli operatori del territorio ci saranno a breve per garantire la massima diffusone delle iniziative, fuori e dentro l’isola, ma fra gli obiettivi c’è anche quello di stimolare la maggiore partecipazione possibili della comunità insulare nella realizzazione di questa celebrazione.