LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Portoferraio, si punta su Marelba: “La parte migliore dello sport”

Vicesindaco e delegata allo Sport tracciano un bilancio lusinghiero per la settima edizione della manifestazione. "Il progetto Icaro ha un grande valore. L'evento accoglie tutti, anche chi ha abilità diverse. Per questo vogliamo valorizzarlo"

Portoferraio, si punta su Marelba: "La parte migliore dello sport"

Una “Marelba” sempre più importante, sempre più evento di eventi. E’ ciò a cui pensano gli organizzatori, ma anche gli amministratori comunali di Portoferraio, che hanno fatto un bilancio di questa settima edizione della “settimana degli sport in mare e da spiaggia”, evidenziandone gli aspetti peculiari, ciò che fa di Marelba una manifestazione unica. Quest’anno la manifestazione, oltre agli eventi sportivi, è stata caratterizzata anche dal Progetto Icaro, dedicato ai diversamente abili. “Il progetto Icaro in questi anni è cresciuto – ha detto il vicesindaco di Portoferraio Cosetta Pellegrini – e ha fatto di Marelba non solo la manifestazione sportiva che accoglie tutti, ma anche che accoglie i ragazzi che hanno diverse abilità, e non solo i nostri ragazzi, ma anche quelli di Milano, di Roma, della Svizzera. E’ stato un momento di incontro bellissimo e per questo lo vogliamo valorizzare e far conoscere bene, perchè è un modo per recuperare attraverso lo sport, ma attraverso lo stare insieme, il valore delle relazioni che troppo spesso invece sono in secondo piano, soprattutto quando si parla di sport in cui si deve emergere”. “Ci tengo a questo evento – ha detto Simonetta Kopeinig, delegata allo Sport – perché rappresenta la parte migliore dello sport, quella pulita, fatta da tutti; e in questo contesto è bello che ci sia il progetto Icaro perché lo sport diventa sempre più un mezzo di inclusione, di scambio di esperienze, un modo per crescere e per essere più autonomi”.