LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“Lavori alla Valle, il Comune verifichi cosa succede”

Il circolo dei democratici sollecita la giunta a controllare se quel che è stato fatto corrisponde alle previsioni progettuali e contrattuali

"Lavori alla Valle, il Comune verifichi cosa succede"

«Il Circolo del Partito Democratico di Rio Marina e Cavo, intercettando
gli umori delle persone, si sente in dovere di rivolgere all’Amministrazione comunale vari interrogativi in considerazione all’oramai sconvolgente situazione dei lavori in corso nella parte finale
di Valle di Riale. Il Pd, in primis, ritiene opportuno verificare l’esistenza di una corrispondenza tra lo stato d’avanzamento lavori e
quanto previsto nel programma allegato al contratto e, nel caso questa
corrispondenza non ci fosse, la revisione del programma lavori, da
parte del responsabile unico del procedimento e della direzione dei
lavori. A seguire, si riscontrano confuse e disordinate messe in opera,
come la realizzazione del muro lato sud della valle di Riale tra il
ponte di via Palestro e il confine con la proprietà Malerbi, attuato
con ben quattro tipologie realizzative, sebbene si ritenga improbabile
che la progettazione costruttiva abbia previsto quanto eseguito
attualmente. Pertanto, appurata la non omogeneità dell’intervento, il
Partito democratico ritiene sia necessaria un’accurata verifica della
suddetta esecuzione sulla base di quanto sino ad oggi realizzato. Si
pone, fra l’altro, la domanda su quale tipo di soluzione sia stata
prevista per rendere accessibile ai diversamente abili, ma non solo, la
parte sud del paese, sede di alcuni esercizi commerciali quali la
farmacia, nonché residenza di una popolazione composta per la maggior
parte da anziani. Ci si chiede se l’Amministrazione abbia prevista una
valida alternativa alla situazione parcheggi, in quanto oltre un
centinaio di questi è stato tolto proprio a causa dei lavori attuati
nella zona della Valle di Riale, di cui una ventina sono stati
eliminati grazie alla cantierizzazione della piazzetta Pietro Germi e
da qui l’obbligo per la ditta esecutrice ad una movimentazione dei
materiali sicuramente dispersiva in termini di tempo e denaro».