Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“Nessuno contesta il profitto serve una logica di dialogo”

Il presidente della Camera di commercio Nardi usa toni distensivi: "Non gettiamo la croce addosso agli armatori, le polemiche non servono. Miglioriamo i rapporti per consentire a tutti di fare investimenti e margini"

"Nessuno contesta il profitto serve una logica di dialogo"

“Nessuno contesta il diritto dei privati di fare profitto, le accuse e le polemiche non servono a niente, si deve dialogare per consentire a tutti di fare margini e investimenti, per rendere l’Elba sempre più appetibile”. Con l’appello a un maggior dialogo fra gli operatori di mercato, e la richiesta di una verificare i meccanismi di determinazione delle tariffe, il presidente della Camera di Commercio Roberto Nardi è intervenuto all’incontro sollecitato – ha detto – dalle associazioni di categoria, su una serie di aumenti che hanno “inciso – ha spiegato – sul trasporto dei mezzi pesanti”. “Siamo consapevoli che è un mercato non regolato e che la tariffazione dipende dalle scelte commerciali che fanno gli operatori – ha aggiunto – però ciclicamente riemerge la problematica relativa a come si crea, qual è la fisiologia della creazione del prezzo”. “Non si può gettare la croce addosso agli armatori – ha ammesso – che hanno compagnie costituite con fini di lucro e ci mancherebbe altro che altri operatori contestassero che uno deve guadagnare, però è emersa la necessità e la possibilità di migliorare i rapporti in una logica che sta nello stesso meccanismo economico dell’Elba”.