LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Il Casentino dice no al Comune unico

Solo in due Comuni su tredici la proposta della fusione prende la maggioranza. Negli altri prevalgono i no, che raggiungono il 56,4%. Altissima l'astensione

Il Casentino dice no al Comune unico

Il Casentino dice no al Comune unico. La percentuale di “no” all’ipotesi di fusione nelle 13 comunità che erano chiamate al referendum si è attestata al 56,43 (8.863 voti) mentre i “si” si sono fermati al 43,57% (6.843 voti).

La percentuale dei votanti (15.875 su 38.290 iscritti) si è fermata al 41,46. Dei 38.290 cittadini che avevano diritto a esprimere il proprio parere sulla istituzione del Comune unico ben 22.484 (sommando chi non è andato a votare, chi ha votato bianco e chi ha reso nulla la scheda) hanno scelto di non votare. Solo 2, su 13, i Comuni che si sono espressie favorevolmente all’istituzione del Comune unico. In tutte le altre comunità (Capolona, Castel San Niccolò, Chitignano, Chiusi della Verna, Montemignaio, Ortignano Raggiolo, Poppi, Pratovecchio, Stia, Subbiano, Talla) hanno prevalso i “no”: dal 53,74% di Chiusi della Verna all’80,69 di Stia.