Quantcast
Peria e Alessi in campo: sono pronti alla battaglia (ma per Piombino) - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Peria e Alessi in campo: sono pronti alla battaglia (ma per Piombino)

di Roberto Marini

Peria e Alessi in campo: sono pronti alla battaglia (ma per Piombino)

Piombino oggi tocca con mano quello che l’Elba sopporta ormai da anni: un progressivo e pesante impoverimento della struttura sanitaria. Ad essere a rischio è il punto nascita ed il sindaco di Piombino Anselmi, per correre ai ripari, propone di accorpare Piombino all’Elba e di fare così ruotare i medici tra le due zone.

Sicuramente una buona idea, che potrebbe far evitare la chiusura del punto nascita di Piombino; non possiamo però far finta di dimenticarci quello che la rotazione dei medici tra le due zone ha comportato per l’ortopedia. In questo momento gli ortopedici stanno ruotando nei due reparti di Piombino ed Elba, con il risultato però che i cittadini elbani per quasi tutte le prestazioni, compresi gli interventi, sono costretti ad andare a Piombino, perché niente o quasi viene fatto più in loco.

E’ per questo che ci ha meravigliato la scioltezza con cui il nostro sindaco, probabilmente per le solite ragioni di affinità politica, senza se e senza ma, ha benedetto la proposta di Anselmi. Questo non vuol dire che siamo contrari alla soluzione ventilata, sempre che non si ripercuota negativamente sulla nostra cittadinanza, ma che è senza dubbio necessario fissarne i contenuti e rivedere al contempo l’organizzazione dell’ortopedia.

Inoltre, vogliamo ricordare ad Alessi che il fatto che la Commissione per l’esame delle patenti, a cui devono sottoporsi obbligatoriamente le persone che hanno compiuto ottanta anni oltre a quelle con problematiche particolari, possa svolgersi, non più a Livorno, ma nel più vicino Comune di Piombino, non rappresenta una conquista per gli elbani. Il tempo necessario per andare da Piombino a Livorno è lo stesso che impiega un nostro cittadino da Pomonte a Portoferraio. Quindi, per gli Elbani, nell’operazione Piombino non c’è né logica, né convenienza. Gli elbani hanno diritto a che la Commissione venga all’Elba. Le dichiarazioni di Peria sul punto nascita e quelle di Alessi sulle questione patenti speciali, piuttosto, fanno pensare ad una operazione politica tendente a favorire la zona Piombino Val di Cornia a nostro discapito. Che siano queste le nuove direttive di partito?