Quantcast
Alessi dovrebbe scusarsi e lasciarci fuori dalle sue beghe di Consiglio - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Alessi dovrebbe scusarsi e lasciarci fuori dalle sue beghe di Consiglio

di Paola Mancuso (sindaco di Rio Marina)

Alessi dovrebbe scusarsi e lasciarci fuori dalle sue  beghe di Consiglio

Se mi sarà consentito parteciperò all’assemblea pubblica annunciata da Alessi spiegando nei dettagli e nel confronto trasparente la realtà delle cose. Non è infatti la prima volta che il sindaco di Rio nell’Elba mi rivolge attacchi gratuiti che non mi spiego, vista la piena disponibilità dimostrata su molte questioni, dalla scuola allo stesso campo di calcio. In proposito non comprendo a cosa si riferisca… Se la sua polemica riguarda le agevolazioni per i tifosi di casa, sappia che essa – pur rimessa alle scelte gestionali della società – è resa di fatto possibile per il contributo alle spese corrisposto dal Comune di Rio Marina per incentivare lo sport e la partecipazione al campionato quale sostegno alla squadra ed occasione di socializzazione.

Peraltro, alla luce di questi tentativi di divisione, farò il possibile per consentire le migliori condizioni ai tifosi di Rio nell’Elba, stoppando in radice demagogia e strumentalizzazioni figlie di un campanilismo quanto meno contraddittorio. Per non parlare della questione della piazzola dei rifiuti – arenata per il disimpegno dichiarato dallo stesso Alessi dopo il proposito di trovare soluzioni sostitutive delle attuali disponibilità della nostra amministrazione.

L’unica cosa vera è quella di un quadro giuridico del quale abbiamo preso atto in una Delibera di giunta, inviandola formalmente a tutti i Comuni con l’invito a valutare il loro consenso ad alcune gestioni associate. Al riguardo confermo di aver personalmente chiamato il sindaco Alessi che mi ha messo al corrente del percorso fatto che rispetto pienamente ma che non ha senza dubbio ritenuto una priorità la collaborazione con Rio Marina, pur senza chiudere le porte…

Nella facoltà recentemente accordata dallo stesso Alessi di confrontarsi in modo “costruttivo”, non posso che stigmatizzare le accuse di ignoranza e speculazione rivolte al capogruppo della minoranza. Se sotto il profilo di una discussione democratica sul Comune unico piove dunque di quel che “tona”, ricordo che il Comune di Rio Marina assunse una delibera di indirizzo finalizzata a valutare la “fusione” tra i due Comuni ormai almeno tre anni fa e dunque sicuramente non in tempi anacronistici come afferma il sindaco Alessi che snocciola numeri e leggi regionali: ma queste fusioni sono oggetto di una scelta o di un obbligo imposto? Se, come dicono i fautori del Comune Unico a prescindere, siamo in presenza di una libertà di scelta, ribadisco da parte mia una valutazione da sempre orientata a valorizzare situazioni che, laddove esistano già funzioni condivise ed omogenee, trarrebbero solo benefici da un governo unitario e comunque maggiormente partecipato dei territori interessati. Un percorso come quello ricordato da Basili, non deve essere vissuto come un limite ma come una reciproca e concreta opportunità. Con questo spirito sono disponibile a ogni confronto, che sia istituzionale o politico, in attesa delle scuse di Alessi che non può strumentalizzare il lavoro di un’altra amministrazione per le sue beghe di Consiglio e prima di pensare al Comune Unico dovrebbe provare ad abbandonare la demagogia politica e da sindaco rispettare le altre istituzioni.