Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Pro loco, una giornata di festa con il Centro disabili

Pranzo al Cantuccio con i ragazzi di Casa del duca, è la prima iniziativa dell'associazione campese. Il presidente Gorgoglione: "Partiamo nel modo migliore. Azioni anche per il sociale, non solo nel turismo"

Pro loco, una giornata di festa con il Centro disabili

Un pranzo al Cantuccio di Marina di Campo insieme ai ragazzi del Centro disabili di casa del Duca. E’ la prima iniziativa che la Pro Loco di Campo ha organizzato dalla sua costituzione, avvenuta solo poche settimane fa. A dimostrazione, come hanno sottolineato il presidente e gli altro membri del direttivo che l’ente non ha solo scopo turistico ma anche sociale

“Siamo qui – ha detto la dottoressa Renzi, del direttivo – anche per un messaggio a tutti, campesi ed elbani, che vorranno unirsi a noi. Non siamo un’associazione fatta solo per il turismo, ma ci occuperemo anche del sociale, di quello che si vedrà nel tempo e che richiederà il nostro aiuto”.

Soddisfatto il presidente, Vincenzo Gorgoglione: “Oggi abbiamo iniziato, e lo abbiamo fatto nel modo migliore, perché siamo con dei ragazzi – come ha detto il sindaco – più disagiati, e ci godiamo il loro sorriso. Questo è l’inizio della nostra attività, che non sarà solo turismo, ma anche sociale. Siamo qui con le braccia aperte, chi vorrà collaborare con noi è il benvenuto”.

Proprio il sindaco di Campo, Vanno Segnini, ha plaudito all’iniziativa: “Una giornata che dà contenuti a uno spirito di solidarietà nei confronti delle persone svantaggiate. E’ una cosa che loro hanno apprezzato sicuramente. Quest’anno l’appuntamento si è rinnovato in uno scenario diverso rispetto all’usuale, siamo in un ambiente chiuso ma c’è stata questa necessità e in ogni caso la manifestazione è stata importante”.

“Anche noi naturalmente ringraziamo la Pro Loco – ha detto Manuela Veludo, responsabile del centro di Casa del duca – perché per i nostri ragazzi queste occasioni di incontro e di apertura al territorio, farci conoscere, far sapere quanto valiamo, sono una cosa fondamentale. Le famiglie dei ragazzi sono altrettanto felici di questa iniziativa e io ringrazio a nome di tutti”.