Quantcast
Ecco tutti i progetti e i lavori pubblici per il 2012 - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Ecco tutti i progetti e i lavori pubblici per il 2012

La giunta traccia un bilancio dei 12 mesi trascorsi e il programma dei prossimi. Priorità ai servizi sociali, nessun ridimensionamento nonostante la crisi. I 148 alloggi Peep, la vendita del Palazzo Coppedè, le prospettive del fronte mare. Le opere pubbliche: via del Carburo, piazza Gramsci, Bagnaia, Forte inglese. L'obiettivo più politico: "Tutte le energie sul Comune unico"

Ecco tutti i progetti e i lavori pubblici per il 2012

Lavori pubblici, servizi, passi avanti verso il nuovo fronte mare della città, ma soprattutto: tenuta degli interventi sociali. E’ questo il fiore all’occhiello del lavoro amministrativo del 2011, secondo la giunta comunale di Portoferraio, che ha appena tracciato un bilancio di fine anno. “Un anno importante per il Comune. Sono molti i programmi ed i progetti che si sono concretizzati, ma se dovessimo spiegare di che cosa siamo particolarmente orgogliosi – spiegano infatti dalla Biscotteria – non si potrebbe che dire la tenuta e l’ulteriore rilancio, in un momento in cui la crisi economica generale ha fatto sentire più pesantemente i suoi effetti, di tutti i servizi sociali e di assistenza alle famiglie, con anche gli interventi per la casa”. Ma vediamoli questi interventi sociali, per meglio comprendere i principali servizi erogati e la relativa spesa:

CONTRIBUTO FITTI EX ART.11 L.431/98: 113 beneficiari Spesa: Euro 85.691,38 n. 127 domande pervenute n. 77 utenti collocati in fascia A n. 36 utenti in fascia B n. 14 utenti esclusi AGEVOLAZIONI T.I.A. Spesa erogata: € 79.192,46 Totale domande agevolazioni n. 382, di cui: n. 151 agevolazioni al 100% n. 144 agevolazioni al 75% n. 87 agevolazioni al 50% ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI n. 10 alunni, per una spesa di € 65.900,36 TRASPORTO DISABILI AL CENTRO SOCIO TERAPEUTICO n. 4 disabili, spesa erogata € 13.608,00 TRASPORTO INDIVIDUALIZZATO DISABILI PER INSERIMENTO SOCIO-TERAPEUTICO n. 2 disabili, spesa erogata € 15.220,80 ASSISTENZA DOMICILIARE n. 28 anziani e/o disabili Importo € 89.300,00 RETTE RICOVERO ANZIANI E DISABILI Spesa: € 124.392,00 n. 11 c/o RSA San Giovanni n. 4 anziani c/o strutture fuori Elba RETTE PER MINORI Spesa: € 66.779,89 n. 6 minori c/o strutture fuori Elba DOMANDE EMERGENZA ABITATIVA ANNO 2011 n. 22 domande ASSEGNI DI MATERNITA’ PER MADRI NON LAVORATRICI n. 12 domande ASSEGNI NUCLEO FAMILIARE n. 14 domande ASILI NIDO Accolti 64 bambini, di cui 16 più piccoli e 48 da 15 mesi a 36, con tariffe in base all’ISEE e comunque mediamente basse: da 15 a 349 euro per il tempo corto e da 25 a 465 euro per il tempo lungo. “Si è poi operato – precisano dal Comune – per un maggiore collegamento tra cultura ed istruzione, anche attraverso iniziative nelle scuole; si è proseguito negli investimenti nell’edilizia scolastica, anche attraverso monitoraggi permanenti sulle strutture al fine di garantirne la massima funzionalità. Tutta la programmazione culturale è stata consolidata nel quadro degli ultimi anni, dalla stagione teatrale invernale, agli eventi estivi, anche promozionali. Tutto ciò è stato possibile grazie ad una situazione di bilancio molto positiva, che ha consentito per la prima volta di utilizzare tutti gli oneri di urbanizzazione del Comune – prima destinati anche alle spese correnti – solo per effettuare gli investimenti in opere pubbliche e manutenzioni straordinarie.

Sul fronte delle opere pubbliche nel 2011 Portoferraio ha visto chiudere l’importante cantiere del Forte Falcone, dove si è insediato un nuovo museo sull’identità della città. Intanto è partito un nuovo lavoro, non meno importante e impegnativo, al Forte Inglese. Ha visto inoltre decollare e quasi ultimarsi la costruzione dei dodici alloggi sociali alla Bricchetteria e, nell’ambito del piano casa comunale, si sono definite le procedure per l’ assegnazione alle cooperative e alle imprese delle aree Peep. Nel 2012 i Peep, concluse le procedure espropriative, diverranno realtà per 148 famiglie di Portoferraio. Grazie alla collaborazione con l’Autorità portuale, ricorda ancora la giunta – è stata completata la nuova banchina di riva fra Molo Massimo ed Alto Fondale, “che rappresenterà un importante elemento di collegamento fra porto e centro, concepito con criteri qualitativi elevati. Sulle banchine esistenti, nel 2012, verrà replicato lo stesso sistema di alternanza fra piante, nuova illuminazione, spazi per i pedoni e le bici, aree per i servizi portuali”. “Altra importante opera – secondo l’amministrazione comunale – è la nuova rotonda all’ingresso delle banchine, grazie al lavoro della Provincia, mentre stanno proseguendo le opere per la nuova depurazione comunale e per il depuratore di Schiopparello”.
La giunta comunale ha anche recentemente approvato il progetto del nuovo laghetto multifunzionale del Condotto, che servirà a garantire acqua per l’agricoltura e per l’emergenza idrica. “I lavori della Gattaia, da parte della Provincia, sono stati eccessivamente lenti – ammette il Comune – ma ripartiranno ad inizio anno e si concluderanno definitivamente nel 2012. Nascerà così il sistema integrato dell’accoglienza dei turisti porto-centro. L’inaugurazione del secondo campo da calcio in erba sintetica al Carburo mette un altro tassello determinante nell’ambito di un lavoro pluriennale sugli impianti sportivi, completamente ridisegnati, dalla pista di atletica al Palazzetto dello sport. Le opere pubbliche sopra citate configurano un quadro finanziario da 13 milioni e mezzo di interventi appena conclusi o in fase di avanzata realizzazione”.

Nel 2012 partiranno nei primi mesi dell’anno altre importanti opere:
La ristrutturazione dell’ex Omni, per 162.000,00 euro;
La riqualificazione ed il recupero di Piazza Gramsci, per 171.000,00 euro
La sistemazione stradale e la regimazione delle acque a Bagnaia, per 180.000,00 euro
La messa in sicurezza idraulica del Carburo, per oltre 900.000,00 euro
Il terzo stralcio del Forte Falcone (bastioni esterni) per circa 770.000 euro.

Continueranno peraltro i lavori nel palazzo comunale. Da non dimenticare il quasi totale svuotamento del Coppedè , di cui in questi giorni la Soprintendenza di Firenze ha autorizzato la vendita, con prescrizioni finalizzate al suo restauro. Con l’entrata derivante dalla vendita la Giunta rilancerà ulteriormente gli investimenti comunali.

Il 2011 –come detto e come rivendica l’amministrazione comunale – “è stato anche l’anno in cui si sono concretizzati i piani regolatori portuali del nuovo sistema della nautica di Portoferraio, dopo un lungo e formativo percorso partecipativo che ha coinvolto le forze economiche e sociali ed i cittadini. Il piano è stato adottato e rappresenta un importantissimo punto di arrivo nella costruzione di lavoro qualificato e sviluppo economico duraturo per la città”. La giunta confida di approvarlo definitivamente nell’estate 2012. “Anche la variante gestionale al regolamento urbanistico vigente è arrivata alla fine del percorso di formazione – ricorda – e rappresenterà un ulteriore elemento di qualità nella pianificazione urbanistica ed uno strumento per rispondere ai bisogni primari dei cittadini e delle imprese. Tutto questo lavoro complesso ed articolato di rilancio e sviluppo infrastrutturale, produttivo, occupazionale e sociale di Portoferraio proseguirà quindi con decisione nel 2012”.

Nel 2011 si è concluso il percorso di costituzione della nuova società nel settore rifiuti. “Con la new company – assicura il Comune – non solo miglioreranno i servizi, ma entro il 2016 si arriverà progressivamente a una tariffa unica, con enormi benefici economici per cittadini e imprese. D’altro canto con la cessione di Esa il Comune garantirà un futuro stabile e duraturo a tutti i lavoratori e operatori della società”.

La giunta apre poi il capitolo Comune unico: “Il 2012 è l’anno decisivo. La crisi irreversibile dell’Unione di Comuni poteva far temere il peggio per le politiche di semplificazione e di coordinamento istituzionale. Paradossalmente essa è servita ad accelerare il percorso formativo del Comune unico, messo al centro del programma di mandato del sindaco. In questo momento si stanno raccogliendo le firme per promuovere la legge regionale d’iniziativa popolare che dovrebbe istituirlo e favorire quindi il referendum, che consentirà di sentire direttamente la voce e l’opinione degli elbani. E’ questo un progetto fondamentale per il futuro del nostro territorio, a cui dovranno essere destinate tutte le nostre energie”.