Quantcast
Deroghe ai parametri numerici, organizzazione su misura per l'isola - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Deroghe ai parametri numerici, organizzazione su misura per l’isola

di Paola Mancuso (sindaco di Rio Marina)

Deroghe ai parametri numerici, organizzazione su misura per l'isola

Le modifiche apportate all’originaria bozza di Piano Sanitario tornano a parlare di territorio e soprattutto di insularità. Non ci si lasci confondere dalla mancanza del nome “progetto Elba” perchè i progetti hanno la loro garanzia di continuità restando affidati alla gestione dell’Asl e divenendo dunque non una risposta eccezionale ma un elemento strutturale oggetto della programmazione aziendale e pertanto considerato quale risposta dovuta ad una condizione di vita.

L’Elba c’e in uno specifico capitolo che dice in sostanza quello che abbiamo sempre detto: che i conti non possono tornare quando il mare ti separa dai centri ospedalieri specializzati e quando i flussi di turisti richiedono una struttura che sappia dare risposte non solo in termini quantitativi ma qualitativi.

E qui, tra le righe, la risposta che aspettavamo: saranno per l’Elba possibili integrazioni al modello organizzativo dipartimentale gettando le basi per un’organizzazione su misura della nostre esigenze e soprattutto non saranno per noi automaticamente applicabili i parametri demografici e territoriali sui quali si fonda la determinazione dei livelli di servizi.

Perchè tutto questo ora? Perché spesso si mormorano esigenze discutibili e questa volta si è gridata la verità! Perchè la ricetta giusta ha come ingredienti la serietà degli interlocutori e lo sono stati sia l’assessore Scaramuccia che la dottoressa Monica Calamai, perchè la commissione Sanità della Regione, rappresentativa di tutte le forze politiche, è stata parte convinta di quell’unità di società civile e istituzioni disarmante in un’isola di frequenti divisioni… Penso ai ragazzi del movimento studentesco, incrocio le dita per il Consiglio regionale che dovrà approvare il piano.. E spero davvero poter dire domani di aver contribuito a difendere la dignità di questo territorio.