Quantcast
"La crisi? La Banca dell'Elba non gioca con la finanza ma pensa al territorio" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“La crisi? La Banca dell’Elba non gioca con la finanza ma pensa al territorio”

Assemblea dell'istituto per introdurre le modifiche previste dal credito cooperativo e avvicinare ulteriormente i soci. Il presidente Bartolini: "Momento internazionale difficile, noi restiamo vicini a famiglie e aziende"

"La crisi? La Banca dell'Elba non gioca con la finanza ma pensa al territorio"

Assemblea straordinaria per la Banca dell’Elba, riunita nella sala congressi della ex caserma De Laugier di Portoferraio per discutere e approvare una serie di importanti modifiche statutarie necessarie – come ha spiegato il presidente dell’istituto di credito cooperativo elbano Luca Bartolini – per adeguare l’istituto ai movimenti attuali del mercato. Un’occasione anche per far alcune importanti riflessioni sulla situazione economica locale, le prospettive della banca, e gli ultimi interventi anche a favore delle famiglie e delle aziende colpite dall’alluvione del 7 novembre.

“Con l’ordine del giorno – ha spiegato Bartolini – modificheremo lo Statuto della nostra banca per allinearci agli standards imposti dal mercato e per uniformarci agli altri istituti di credito cooperativo operativi nel nostro paese. Stiamo lavorando molto – ha proseguito Bartolini – Anche in questo momento di difficoltà economica internazionale la Banca dell’Elba continua a essere vicina alle famiglie, alle aziende e al territorio. La politica societaria del credito cooperativo, il suo scopo, è proprio questo. Noi e tutte le Bcc facciamo cosa diversa dalla finanza, la nostra azione è diametralmente opposta alle altre banche. E lavoriamo a favore del territorio. Di questo siamo fieri, siamo fieri di poterlo fare e di poterlo fare all’isola d’Elba”.

Giudizio positivo sull’andamento del credito cooperativo elbano è stato espresso anche dal direttore della banca dell’Elba Riccardo Pacini: “I dati ci confortano – ha spiegato Pacini – speriamo di chiudere l’anno come ci attendiamo. Indubbiamente il momento è per tutti difficile ma la nostra banca è vicina ai soci e ai suoi clienti anche e soprattutto in questo momento, come è accaduto anche con gli interventi successivi all’alluvione del 7 novembre che ha segnato le aziende e le famiglie della nostra isola. Le modifiche statutarie che oggi andiamo ad approvare sono un’ulteriore conferma della vicinanza della banca ai suoi soci, poiché mirano a rendere maggiormente partecipi i soci del credito cooperativo delle scelte che l’istituto di credito deve compiere sul proprio territorio”.