Quantcast
Vaccino antinfluenzale, ecco chi può averlo gratis - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Vaccino antinfluenzale, ecco chi può averlo gratis

L’elenco delle categorie a rischio e a chi rivolgersi. Sono 100mila dosi arrivate in tutta l’Azienda Usl 6

Vaccino antinfluenzale, ecco chi può averlo gratis

Ammontano a 100mila i vaccini per la campagna antinfluenzale 2011-2012 arrivate nelle 4 Zone dell’Azienda Usl 6. Le dosi sono state distribuite a medici di famiglia e pediatri, in base al numero di pazienti da vaccinare, e nelle strutture di ogni singola azienda. Chiunque può acquistare il vaccino in farmacia, mentre ad anziani sopra i 65 anni e cittadini appartenenti alle categorie a rischio la vaccinazione verrà offerta gratuitamente, tramite i medici di famiglia, i pediatri e gli ambulatori dell’Azienda sanitaria.

Nelle categorie a rischio rientrano bambini (di età superiore a 6 mesi) e adulti affetti da particolari patologie croniche (malattie croniche a carico dell’apparato respiratorio, circolatorio, renale, malattie degli organi emopoietici, diabete e altre malattie dismetaboliche, sindromi da malassorbimento intestinale, fibrosi cistica, altre malattie congenite o acquisite che comportino carente o alterata produzione di anticorpi, patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici), bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, bambini pretermine e di basso peso alla nascita. La vaccinazione è gratuita anche per le donne che saranno nel secondo e terzo trimestre di gravidanza durante la stagione epidemica, per gli addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo, e per il personale di assistenza o i familiari di soggetti ad alto rischio.

Pur essendo la Toscana tra le Regioni con le migliori performance per quanto riguarda la copertura vaccinale, l’obiettivo di questa stagione 2011-2012 è quello di arrivare alla copertura ottimale indicata dal ministero, che è del 75% per gli ultrasessantacinquenni e del 95% per le categorie a rischio.