Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Pasti caldi per 500 persone. E’ una gara di solidarietà

Da Gianni ogni mezz'ora si dà da mangiare a un gruppo di 150 persone. Un punto ascolto per chiedere medicine e alimenti. E l'Elba sta reagendo con una straordinaria prova di dignità e compattezza. Offerte di gruppi commerciali e cittadini. L’appello di Peria: “Chi vuole contribuire porti cibo al Palazzetto di Portoferraio. Aderite alla raccolta fondi di Banca dell'Elba e Teletirreno"

Pasti caldi per 500 persone. E' una gara di solidarietà

Marina di Campo è piegata, in ginocchio. Ma non si può dire che Campo non esista più. E’ il giorno della morte e della devastazione, ma l’Elba sta reagendo con una straordinaria prova di solidarietà. Grazie ai nostri “angeli del fango”. Sono arrivati da tutta l’isola, e non solo. Partecipano alle operazioni di bonifica, a questa prima pulizia, e all’assistenza delle persone.

All’orecchietteria da Gianni, appena fuori dal paese, è stato predisposto un centro di accoglienza capace di dare da mangiare a 5-600 persone. Dalle 12 in poi, ogni mezz’ora, arriva un gruppo di 150 persone. I principali gruppi commerciali dell’isola, da Conad Nocentini a Coop, hanno contribuito materialmente con offerte ingenti a questa fondamentale assistenza. Davanti al Comune, in piazza Dante Alighieri, è stato allestito un Punto d’ascolto (aperto dalle 8 alle 20). I cittadini potranno chiedere la distribuzione di pasti caldi, la consegna di medicinali e di qualsiasi altro genere che possa risultare di conforto in queste ore.

I numerosissimi volontari stanno cercando di coordinarsi per portare aiuto alla gente di Marina di Campo. Oltre al lavoro sul posto, coordinato presso il Centro Intercomunale di Protezione Civile di La Pila, arrivano sempre più numerose adesioni e mobilitazioni spontanee.

Arriva il contributo del sindaco di Portoferraio, Roberto Peria. “Invito tutti coloro che vogliono contribuire economicamente a seguire l’iniziativa di Banca dell’Elba, Tele Tirreno Elba e Tenews – ha detto questa sera il Sindaco – ma siccome arrivano anche generi alimentari di ogni tipo, è bene chiarire come vanni indirizzati. A Portoferraio – ha ricordato il sindaco – gestiamo presso il Palazzetto dello Sport Monica Cecchini un centro di smistamento e accoglienza volontari con 320 posti letto, per il quale abbiamo bisogno solo di generi dedicati alla prima colazione: acqua, succhi di frutta, tè e dolci. Il resto – pane , pasta e altri generi alimentari – va indirizzato all’Aviotel di La Pila, che gestisce la ristorazione per tutti coloro che lavorano nella zona di Marina di Campo”.