Quantcast
"No alla tassa di soggiorno, meglio quella di accesso" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“No alla tassa di soggiorno, meglio quella di accesso”

L'Associazione dei Comuni delle isole minori ribadisce il suo no all'ipotesi di un nuovo tributo che graverebbe solo sulle strutture recettive ufficiali. La preferenza per uno strumento facoltativo, e spalmato anche sul mordi e fuggi. Il vicepresidente Ciumei: "Noi non lo applicheremmo comunque"

"No alla tassa di soggiorno, meglio quella di accesso"

Il fermo “no alla tassa di soggiorno” da parte dell’Ancim è stato ribadito anche in occasione dell’ultima riunione del direttivo dell’Associazione nazionale comuni isole minori, riunito venerdì scorso a Roma. Una convinzione che nasce da un serio confronto con l’associazione degli albergatori delle isole minori. La conclusione condivisa è che “la tassa di soggiorno sarebbe una penalizzazione per le piccole isole che vivono di turismo”. Ma si è fatto anche di più in quella sede. E’ stata fatta – per la seconda volta – formale richiesta al Governo di trovare e applicare un altro strumento in alternativa, che non colpisca solo la vacanza a lungo termine del turista, ma anche quella del turista “mordi e fuggi”: una sorta di tassa di accesso, per tutti.

“La differenza – ci spiega il sindaco di Marciana Marina Andrea Ciumei e vicepresidente dell’Ancim – sta nel fatto che la prima colpirebbe solo strutture ricettive dichiarate e che lavorano alla luce del sole, come alberghi, residence e simili. La seconda colpirebbe anche coloro che si avvalgono di altre sistemazioni che non rientrano in queste ultime e che, spesso, lavorano nel sommerso. Poi in diverse realtà italiane questa tassa viene già applicata, io – conclude Ciumei – credo che faremo in modo di non applicarla mai nel nostro territorio, di sicuro non a Marciana Marina”. “Soprattutto vogliamo che ogni realtà abbia libero arbitrio – ci dice invece il presidente dell’Ancim e sindaco di Sant’Antioco Mario Corongiu – possa cioè scegliere liberamente se applicare o meno qualsivoglia forma di tassazione al turista”.