Quantcast
Arcipelago mediterraneo, il seminario internazionale alla De Laugier - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Arcipelago mediterraneo, il seminario internazionale alla De Laugier

Inquadrato nelle attività del programma operativo Italia Francia marittimo 2007-2013 il progetto studia i porti delle isole come porte di accesso al territorio

Arcipelago mediterraneo, il seminario internazionale alla De Laugier

Arcipelago mediterraneo. Il seminario internazionale in corso al centro De Laugier è inquadrato nelle attività del programma operativo Italia Francia marittimo 2007-2013. Il progetto, che vede interagire il Comune di Cagliari, l’Istituto Nazionale per la Demoantropologia di Roma, la Collectivitè Territoriale de Corse, la Ville di Ajaccio ed il Comune di Portoferraio, ha tra le altre finalità quella di verificare come si configurano i porti delle isole come porte di accesso al relativo territorio.

In questa ottica l’attività di Portoferraio, supportata dalle Università di Firenze/Facoltà di Architettura e Università di Pisa/Facoltà di Scienze Politiche, è stata rivolta in particolare allo studio delle modalità e delle esperienze di valorizzazione delle aree urbane storicamente legate ai porti, alla valorizzazione del patrimonio storico – culturale ed ambientale delle isole.

Per questo oltre a ricerche ed analisi che riguardano Portoferraio, nel corso del Seminario si potranno verificare esperienze e progetti di altre isole: della Grecia e della Spagna, di Malta, oltre ovviamente di Cagliari e Ajaccio.

Località che vivono problemi similari, dove si ricercano le condizioni ottimali di convivenza e valorizzazione del patrimonio storico – culturale in rapporto alle esigenze funzionali che il turismo presenta sia per quanto riguarda la navigazione da diporto, sia per quanto riguarda la navigazione di tipo commerciale.

Saranno presenti anche esperti del centro Internazionale delle Città d’Acqua, una associazione che da anni svolge una interessante azione di ricerca e sensibilizzazione circa le potenzialità oltre che delle necessità delle città portuali grandi o piccole che siano. Dunque un confronto ampio, che cade in un momento particolare quelle della prossima adozione della variante al Regolamento Urbanistico e del Piano Regolatore del porto turistico di Portoferraio, una occasione che può consentire di allargare lo sguardo oltre il tradizionale orizzonte dell’Isola d’Elba, quindi di acquisire informazioni, recepire suggestioni e stimoli che possono anche servire a migliorare la visione del porto che si va definendo.

Più in generale il seminario è comunque una interessante esperienza di confronto tra diverse esperienze e soggetti, tra partner che nell’ambito dei progetti finanziati dalla Unione Europea trovano occasione di arricchimento culturale delle strutture tecniche amministrative e delle comunità, per promuovere il proprio territorio, avendo come obiettivo anche quello di offrire all’opinione pubblica una metodologia di studio e ricerca e quando previsto di progettazione che possa essere utile riferimento ad altri soggetti appartenenti all’Unione Europea. Si cerca insomma l’unione dal basso come previsto dai trattati e dalla corretta logica della partecipazione. Ovviamente il seminario che prende l’avvio nel pomeriggio del 20 per poi proseguire il giorno seguente è aperto a tutti coloro che abbiano interesse al tema, per Portoferraio, ma non solo.