Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“Il Comune unico nuovo totem Nostalgici riscoprono l’ideologia”

L'Udc riese: "Alessi torna alle Frattocchie e si commenta da solo, ma non è l'unico agitato. La 'grande idea' ha risvegliato antichi riflessi ormai sopiti. Ma nessuno ci tocchi certi campioni del sì"

"Il Comune unico nuovo totem Nostalgici riscoprono l'ideologia"

Dall’Udc di Rio Marina riceviamo:

Per non scendere a un livello di polemiche e insulti che si commentano da soli, l’onorevole Bosi probabilmente non risponderà all’intervento del sindaco Danilo Alessi (poca politica, molti rancori, peraltro non corrisposti). Neanche noi vogliamo farlo. Ci limitiamo a constatare con dispiacere come quello che è pur sempre un sindaco (o dovrebbe esserlo), nonostante una lunga carriera politica non abbia acquisito strumenti dialettici diversi (anche solo più moderni, come un vendolismo suadente e un po’ vacuo) e sia dovuto ricorrere ai cari vecchi insegnamenti delle famose “Frattocchie” del Pci.

La questione però pare non limitarsi al sempre più agitato Alessi (a proposito, la nostra “sparuta pattuglia”, dati alla mano, è meno sparuta della sua) e coinvolge un pezzo della sinistra elbana. Che succede ai nostri amici neofiti della liberaldemocrazia? È impossibile non chiederselo dopo aver verificato il livello di arroganza intellettuale e faziosità con cui qualcuno conduce, a colpi di insulti e invettive, la sua ultima battaglia: negare (anche contro l’evidenza) le storture di un iter – quello per il Comune unico – che convince sempre meno persone. L’impressione è che la “grande idea” della fusione forzata, agitata e venerata come un nuovo totem ideologico, abbia rimpiazzato antiche, tragiche certezze, risvegliando, in qualche – magari inconsapevole – nostalgico, riflessi ormai sopiti.

Attenzione però. I rappresentanti delle categorie economiche (e anche del Pd) sono sempre più perplessi per l’egemonia esercitata da toni e personaggi da anni Cinquanta. Ma nessuno faccia scherzi: guai a ci tocca certi espostissimi campioni del sì. Sono la miglior garanzia di successo per il comitato a difesa degli otto Comuni: ogni loro dichiarazione mette in fuga centinaia di elettori da quella che si configura, per obiettivi e metodi, come l’ultima operazione anti-elbana.