Quantcast
L'Azienda: "Misura ingiustificata, il sito sarà riaperto" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

L’Azienda: “Misura ingiustificata, il sito sarà riaperto”

Il direttore amministrativo Luca Cei: "Tenews è incappata nelle restrizioni decise dall'Estav. Ma hanno carattere generale. Io stesso non potevo entrare e invece ho interesse a leggere le notizie sulla sanità valutandone la rilevanza"

L'Azienda: "Misura ingiustificata, il sito sarà riaperto"

“L’oscuramento non ha ragion d’essere”. L’Asl, con il direttore amministrativo Luca Cei, si giustifica per il “divieto d’accesso” a Tenews sui terminali dell’azienda, e intanto interviene per il suo superamento. “Darò disposizioni – ci ha detto in un’intervista telefonica che si può ascoltare nel video alleato – affinché venga riaperto l’accesso, anche nel nostro stesso interesse”.

“La nostra azienda – spiega Cei – adotta una politica di limitazione degli accessi esterni, perché durante l’orario di lavoro non è possibile per il dipendente occupare il tempo lavorativo andando a navigare in internet su vari siti. Ci sono restrizioni, in questo caso Tenews è incappata nelle restrizioni che fra l’altro non l’azienda in sé ma l’Estav (l’Ente servizi tecnico amministrativi di Area Vasta, ndr), impone  secondo una politica di carattere generale a questo scopo”.

Ma perché proprio il nostro giornale e non altri, magari nazionali? “Tenews – la versione dell’Asl –  incappata in una politica di carattere generale. Io posso chiedere il dettaglio tecnico, come i vari siti vengono oscurati, ma non c’è alcuna volontà di oscurare il sito di Tenews, ho fatto una prova e io stesso non riesco. Nei giorni lavorato io ho interesse ad accedere per vedere che tipo di informazione viene data e che tipo di risalto alle notizie di carattere aziendale che vengono da voi curate”. “Voi – continua Cei – dite che non è aperta ai dipendenti, ma loro la devono guardare da casa”. Comunque “la limitazione non ha ragione di esistere e avete fatto bene a segnalarla. Ho fatto accesso con la chiavetta, chiedete una spiegazione. È questa: non c’è ragione individuale di limitare l’accesso, per cui io do disposizioni che venga riaperto l’accesso anche nel nostro stesso interesse”.