Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

L’omissione di soccorso è un reato Serve una causa collettiva

di Luciana Gelli

L'omissione di soccorso è un reato Serve una causa collettiva

E’ un nostro diritto essere curati sul nostro territorio. Come ormai tutti sappiamo, la sanità sulla nostra isola non funziona. Infatti l’elisoccorso, mezzo che dovrebbe intervenire solamente per le emergenze, viene usato quasi giornalmente come un’autoambulanza territoriale. Questo sistema, costoso ed insicuro (vedi eventuali temporali) mette a grave rischio la vita di noi tutti. A mio parere, la Regione Toscana è colpevole del reato di omissione di soccorso, delle carenze di personale e della conseguente mancanza dei servizi nei confronti della popolazione elbana. Pertanto, se i nostri 8 sindaci avessero più consapevolezza e rispetto dei diritti dei cittadini che amministrano e rappresentano, dovrebbero unirsi e intentare causa alla Regione.
Questo potrebbe segnare il primo passo del cosiddetto “Comune Unico”; ma immaginare un siffatto collettivo intervento, atto a perseguire un comune ed importante obbiettivo nell’interesse della popolazione, ha il sapore dell’utopia. Se la sanità pubblica non funziona, saremo costretti a rivolgerci a quella privata, ma purtroppo, non tutti se la potranno permettere. Adesso vorrei che qui, tutti insieme, facessimo una riflessione dal punto di vista umano: quando siamo colpiti da una malattia o siamo vittime di un incidente, il desiderio più forte che sentiamo è quello di avere vicino le persone di famiglia, le persone a noi più care, quelle che ci conoscono e che sanno come confortarci. Ma se ci sbattono in un ospedale fuori da casa nostra, cioè dall’Elba, ci verrà a mancare l’aspetto più importante dal punto di vista umano e ci troveremo soli nel momento delle difficoltà. Vi prego, elbani, uniamoci e confidiamo su noi stessi, sulla popolazione tutta, per combattere queste prevaricazioni con la consapevolezza che tutto questo lede ed offende la dignità di una popolazione che viene privata del più importante tra i diritti da garantire: il diritto alla salute e alla vita.