Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Ortopedia, il reparto è “chiuso” alle 14, il rischio non è solo notturno

di Roberto Marini (presidente provinciale Udc)

Ortopedia, il reparto è "chiuso" alle 14, il rischio non è solo notturno

L’episodio della turista portata via in elicottero per una lussazione al gomito ci ha fatto ben capire cosa voglia dire non avere all’Elba l’ortopedia, o meglio gli ortopedici. La paziente è stata trasportata  in continente perché qui non era possibile curarla, per mancanza degli ortopedici. E se qualcuno pensa che l’assenza sia stata dovuta al fatto che era ormai sera, è bene che sappia che anche se l’incidente fosse accaduto alle 14,01 non ci sarebbe stato nessuno perché gli ortopedici sono in servizio solo dalle ore 8 alle ore 14. Dopo niente: l’Azienda Usl all’Elba non ha  attivato la reperibilità né al pomeriggio, né alla sera: troppo costosa per noi cittadini elbani! Nelle altre zone dell’Azienda: Piombino, Cecina e Livorno, invece è garantita; ma qui no. E chi se ne frega!

Questa è una organizzazione paradossale che non solo lede il diritto alla salute garantito costituzionalmente a tutti i cittadini, ma che, nella sua riduzione, non offre neanche le garanzie minime di sicurezza delle prestazioni erogate.  Infatti, come rimarca la direzione dell’Azienda Usl all’Elba non  è rimasto solo un semplice ambulatorio ortopedico, ma si effettuano anche le operazioni programmate un giorno alla settimana. Ma questi pazienti, una volta operati, chi li segue dalle 14 alle 8 del mattino dopo? Gli ortopedici no! Non ci sono e non è possibile chiamarli.