Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Parco, verso una presidenza Banfi nel dopo-Tozzi

L’annuncio dato ieri mattina dal sindaco di Capoliveri e presidente della Comunità Barbetti. Tra i progetti da portare avanti il campo boe di Pianosa: "Possiamo farlo entro la prossima estate. E altri due a Giannutri e Capraia"

Parco, verso una presidenza Banfi nel dopo-Tozzi

Sembra ormai certo: una volta terminato il mandato di Mario Tozzi, Angelo Banfi sarà il presidente del Parco Nazionale. In quanto vicepresidente assumerà le funzioni della presidenza dell’ente, almeno fino a marzo 2012. E’ l’annuncio fatto ieri mattina dal sindaco di Capoliveri e presidente della Comunità del Parco, Ruggero Barbetti ai partecipanti all’inaugurazione del progetto liena di boe, sulla spiaggia di Morcone. Dopo le polemiche dei giorni scorsi sulla vicepresidenza del parco e sulle dichiarazioni di sfiducia di Tozzi nei confronti di Banfi, Barbetti ha voluto sottolineare gli obiettivi futuri. E lo ha fatto prendendo spunto proprio dal progetto delle boe intelligenti nel mare di Capoliveri. Ha illustrato la sua filosofia di tutela del mare che, a suo parere dovrebbe ispirare gli amministratori elbani, puntando all’ area marina protetta. Questo per far presente che, dopo Tozzi il parco «sarà tutto elbano» e che potranno essere terminati i progetti proposti durante il suo periodo di commissariamento di sette anni fa. Tra questi il campo boe di Pianosa per cui durante al sua esperienza ai vertici del parco Barbetti aveva previsto 24 punti, di cui 12 riservati ai diving. «Chiedo impegno al vicepresidente Banfi – ha dichiarato Barbetti -perchè questo progetto sia concretizzato. Oggi che la normativa è chiara possiamo mettere le boe a Pianosa da qui alla prossima estate. Il progetto è già stato predisposto e studiato nelle modalità di attuazione. C’era un finanziamento di 600mila euro anche per i campi boe a Giannutri e Capraia. Sono progetti che dobbiamo realizzare».