Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Ubriaca in auto finisce contro un cassonetto e un muro

Una 34enne campese perde il controllo dell'auto a va a finire contro le protezioni laterali della provinciale. Arrivano Polizia e ambulanza e non trovano nessuno, i passeggeri sono stati traportati al Pronto soccorso con un mezzo privato. Ma dal test il livello di alcol è risultato 5 volte sopra i limiti

Ubriaca in auto finisce contro un cassonetto e un muro

La notte scorsa, alle 5 circa, gli operatori della volante della Polizia di Stato di Portoferraio, durante il servizio di controllo del territorio, hanno ricevuto dal 118 la segnalazione di un incidente con feriti a Procchio (Marciana). Gli agenti, una volta raggiunto il luogo del sinistro hanno constatato che l’ambulanza, giunta tempestivamente, non aveva potuto effettuare l’intervento di primo soccorso in quanto un privato cittadino aveva provveduto a trasferire i feriti al pronto soccorso di Portoferraio. L’auto sinistrata, una Renault Clio, era andata a sbattere prima contro un cassonetto per poi finire la sua incontrollata corsa contro un muro di cinta prospiciente la strada provinciale.

Ulteriori accertamenti svolti hanno permesso di appurare che alla guida della Clio si trovava una 34enne di Campo per la quale è stato chiesto il doveroso alcool-test. Oltre a rilasciare una certificazione nella quale la donna veniva giudicata guaribile in 30 giorni,  i sanitari  hanno stabilito che il suo tasso alcoolemico nel sangue era di quasi ben cinque volte superiore  ai limiti consentiti. Pertanto gli agenti hanno deferito all’autorità giudiziaria la 34enne, sequestrando il veicolo che potrebbe essere successivamente confiscato. Gli altri occupanti dell’auto sono stati giudicati guaribili in 8 giorni.