Quantcast
A Campo rientro speciale sui banchi di una scuola "solare" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

A Campo rientro speciale sui banchi di una scuola “solare”

Finiti i lavori all’istituto Giusti. E’ il primo plesso interamente “verde” dell’Elba: permetterà un risparmio di 10mila euro annui

A Campo rientro speciale sui banchi di una scuola "solare"

La prima scuola all’Elba interamente “solare” è ormai realtà. Il nuovo anno scolastico si apre con una piacevole novità a Marina di Campo: gli studenti dell’istituto comprensivo “Giuseppe Giusti” al rientro domani sui loro banchi potranno dunque vantarsi di questo piccolo primato.  I lavori al tetto del plesso scolastico campese sono stati infatti completati prima del suono della campanella e adesso i pannelli fotovoltaici voluti dall’amministrazione Segnini sono tutti installati e l’impianto da 20 kwh (che va ad aggiungersi a quello già esistente e in via di rimessa in efficienza) è stato collegato alla rete elettrica. Manca solo il via ufficiale da parte di Enel per l’allaccio che dovrebbe avvenire a stretto giro. Ciò permetterà all’istituto di far fronte alle proprie esigenze energetiche grazie al solo contributo del sole, rendendosi così totalmente indipendente dalla rete nazionale.

Anzi, sarà la stessa scuola Giusti attraverso quello che tecnicamente viene definito uno “scambio di energia sul posto” ad alimentare anche alcune altre utenze comunali permettendo un ulteriore abbattimento dei costi a carico dell’amministrazione. “Si parla di circa 2.500 euro risparmiati all’anno – spiega Fausto Carpinacci, assessore ai Lavori pubblici del Comune –. A questa cifra vanno aggiunti gli incentivi sul quarto conto energia che verranno erogati dal gestore dei servizi elettrici, pari a circa 7mila euro annui. In totale circa 10mila euro all’anno che entreranno nelle casse del comune che in 20 anni avrà così risparmiato una cifra vicina ai 200mila euro”.

Un pannello elettronico verrà installato nell’atrio della scuola, questo permetterà agli studenti di seguire in presa diretta la quantità di energia prodotta all’istante e quella accumulata dall’inizio dell’anno, nonché il corrispettivo di Co2 risparmiato e non immesso nell’ambiente. Un modo alternativo ma pratico di sensibilizzare le nuove generazioni. Il progetto complessivo da 105mila euro, approvato dalla giunta del sindaco Segnini, è solo l’ultimo di una serie di opere che va sempre più verso uno sviluppo sostenibile, iniziata con l’installazione del fotovoltaico in pineta e proseguita con altri progetti come il bike-sharing.