Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Modificheremo il Piano del porto per proteggere la spiaggia

di Vanno Segnini (sindaco di Campo nell'Elba)

Modificheremo il Piano del porto per proteggere la spiaggia

In merito all’articolo apparso su “Il Tirreno” del giorno 22 agosto scorso nel quale sono riportati i commenti del Consigliere Lambardi Lorenzo e dell’ex Assessore alla portualità Sauro Rocchi sulla situazione del porto di Marina di Campo, occorre precisare quanto segue. Quanto rappresentato dal Consigliere Lambardi, in merito all’indicato avanzo di bilancio pari ad €.600.000,00 lasciato dalla precedente Amministrazione, costituisce una verità parziale nonché di comodo. Infatti, lo stesso ammontava realmente a poco più di 480.000,00 di cui solo 400.000,00 di fondi non vincolati, inoltre il medesimo Consigliere omette di citare tutte le sentenze civili che hanno visto soccombente il Comune di Campo nell’Elba per importi di qualche milione e centinaia di migliaia di euro e relative a vicende e contenziosi sorti durante i quindici anni nei quali ha amministrato “Alleanza per Campo”, compresa quella Bertani & Baselli che, pur iniziata in un periodo precedente, è stata avallata e pervicacemente continuata dall’attuale opposizione.

Venendo all’affermazione per la quale tutto ciò che di sbagliato è da attribuirsi alla passata amministrazione mentre l’attuale si prenderebbe i meriti di progetti avviati dalla precedente, il Consigliere Lambardi dovrebbe spiegare perché in quindici anni non è stato redatto un piano di zonizzazione acustica, perché non è stato redatto un piano spiagge, perché non è stato neppure avviato il piano regolatore del porto e perché non è stato adottato il piano strutturale. Solo per citare materie che ultimamente sono state al centro delle cronache.

Se poi, in merito alle opere pubbliche (poche in verità – forse anche per questo c’era un avanzo di bilancio), il Consigliere Lambardi si riferisce al rifacimento di Viale degli Etruschi, giova precisare che nel progetto approvato dalla precedente Amministrazione non erano neppure previsti la rete fognaria e l’illuminazione pubblica.

Per quanto concerne le sgangherate affermazioni dell’ex Assessore Rocchi si precisa che:
1) il milione e 200 mila euro stanziati dalla Regione per il porto sono stati impiegati in progetti di opere che partiranno nei prossimi mesi. Progetti che sono stati realizzati dall’attuale Amministrazione entro i termini tassativamente fissati per non decadere dal finanziamento stesso visti che la precedente amministrazione non era stata in grado di produrre alcunché.
2) Non si capisce quale strumento di governo per il territorio si riferisce Rocchi nel suo intervento in quanto il Piano Strutturale non è stato approvato, il Piano Regolatore del porto vigente è ancora quello del 1962 e l’unico strumento varato dalla sua amministrazione e attuale opposizione è una variante del marzo 2009 relativa alle zone agricole che niente ha a che fare con la portualità. Quanto al Piano PEEP i risultati sono sotto gli occhi di tutti.
3) Il Comune di Campo sta procedendo, in accordo con la Regione presso la quale ci sono stati diversi incontri, l’ultimo risalente al luglio scorso, a modificare il Piano Regolatore del porto sopra citato in modo da pervenire alla realizzazione di opere che consentano il riequilibrio dell’arenile di Marina di Campo sottoposto a una continua erosione e alla messa in sicurezza dello specchio acqueo del porto.