Quantcast
Arrestato per spaccio un 46enne di Portoferraio - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Arrestato per spaccio un 46enne di Portoferraio

Dopo i tre ragazzi i Carabinieri hanno sorpreso l'uomo con 80 grammi di hashish e tutto l’occorrente per il confezionamento e la vendita della droga. Ha già patteggiato un anno e mezzo di reclusione. Denunciato un 35enne di Capoliveri. Per le strade dell'isola controllate anche 439 persone e 330 auto

Arrestato per spaccio un 46enne di Portoferraio

Elba sorvegliata speciale, in mare e in terra, in occasione dei giorni che rergistrano il massimo delle presenze turistiche. Nel week-end più lungo, quello appena trascorso, l’intensificazione dei controlli da parte dei Carabinieri sono state portate al massimo. Sono state identificate e controllate circa 430 persone, e fermati circa 330 veicoli dai militari dell’isola, che hanno effettuato, tra venerdì sera e il giorno di Ferragosto, qualcosa come 80 servizi tra pattuglie appiedate, autopattuglie e vigilanza marittima della Motovedetta CC 702.

Sedici i verbali di violazione alle norme del Codice della Strada, due le patenti ritirate e 12 i verbali elevati tra violazioni a norme speciali, tra cui la vendita abusiva sulle spiagge di oggettistica, accessori, abbigliamento estivo e generi alimentari (cocco e ananas, per intenderci) e violazioni al codice della navigazione. La stazione di Portoferraio, nella prima decade di agosto, aveva eseguito due ordini di carcerazione per un 28enne e di un 58enne che dovranno scontare, rispettivamente, una pena residua di un mese per detenzione di stupefacenti e di 1 anno e 9 mesi per furto.

L’Aliquota operativa invece, a distanza di poco tempo dall’arresto per droga di tre ragazzi elbani della periferia portoferraiese, ha fatto spalancare le porte del carcere di Livorno per R. R., 46enne, anch’esso del capoluogo e anche lui sorpreso a detenere sostanza stupefacente di tipo hashish – circa 80 grammi – e tutto l’occorrente per il confezionamento e la vendita della medesima sostanza, presumibilmente destinata al mercato locale. Ieri, dopo l’udienza di convalida dell’arresto, l’uomo ha patteggiato la pena, imposta dall’Autorità giudiziaria labronica, pari a un anno e 6 mesi di reclusione ed è stato immediatamente posto agli arresti domiciliari. Gli stessi uomini dell’Aliquota operativa, sempre a esito dei controlli del weekend, hanno segnalato un giovane quale consumatore, alla prefettura di Livorno che stava consumando dell’hashish e denunciato (si tratta in questo caso di reato) un 35enne di Capoliveri che invece ne deteneva oltre 30 grammi.