Quantcast
MATTEOLI ALL'ANCIM: 43 MILIONI AI TRAGHETTI TIRRENIA - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

MATTEOLI ALL’ANCIM: 43 MILIONI AI TRAGHETTI TIRRENIA

IL PRESIDENTE DELL'ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELLE ISOLE MINORI SCHEZZINI HA INCONTRATO IL MINISTRO CON UNA DELEGAZIONE DI SINDACI. GLI IMPEGNI DEL GOVERNO SU TOREMAR. CONVENZIONE VERSO LA PROROGA

MATTEOLI ALL'ANCIM: 43 MILIONI AI TRAGHETTI TIRRENIA

Attenzione alle esigenze delle popolazioni isolane, e 43 milioni di euro per il servizio. Sono le promesse del governo per i collegamenti marittimi delle isole minori (ma il ministro Altero Matteoli ha assicurato una “particolare attenzione” per Siremar, la compagnia siciliana, il cuo stato di crisi sembrava mettere a repentaglio addirittura la continuità del servizio.

Ieri il ministro delle Infrastrutture ha ricevuto una ristretta delegazione a Roma per discutere il da farsi sulla questione Tirrenia. Erano presenti Catalina Schezzini, presidente dell’Ancim e sindaco di Rio Elba, il sindaco di Lipari per la Sicilia, che ha partecipato con una delegazione allargata anche ai cittadini, e pochi altri amministratori delle isole minori.

“L’impegno da parte del ministro è quello di reperire 43 milioni di euro – ci ha detto il sindaco Schezzini – e il 27 gennaio sarà a Bruxelles dove la discussione sarà sul tavolo dell’Ue la proroga della convenzione fra Stato e società per tutto il 2009. In quella sede si farà portavoce delle istanze degli amministratori”.

La Sicilia, per la particolare situazione in cui “naviga” la Siremar che non molti giorni fa aveva annunciato la sospensione dei collegamenti marittimi per mancanza di “liquidi”, ha anche chiesto l’istituzione di un tavolo di discussione a parte. Un formula che non trova pienamente d’accordo Catalina Schezzini: “Trovo questa formula della trattativa separata un elemento di debolezza. Pur comprendendo le situazione siciliana, penso che affrontando tutti insieme la questione saremmo più forti nel chiedere maggiori garanzie sul servizio. Io ero lì come sindaco e come presidente di Ancim, ma quelle che ho chiesto sono garanzie per tutto l’Arcipelago Toscano”.