LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

IL 2008 ELBANO: DAL CORTEO MOBY AL MARE IMPAZZITO

LA CRISI DEL TURISMO, I PROBLEMI IRRISOLTI, I RIFIUTI, ZTL E T-RED, PIANOSA, LA FINE DELLA COMUNITA' MONTANA, IL BELLINI, GLI ADDIO TRISTI, MA ANCHE LE BALENE NEL PORTO, GLI EVENTI, LO SPORT, LE ASSOLUZIONI

IL 2008 ELBANO: DAL CORTEO MOBY AL MARE IMPAZZITO

Che anno è stato il 2008, anno bisestile? Nel mondo sarà ricordato come l’anno della recessione, delle olimpiadi in Cina, e del primo presidente americano di colore della storia. Per l’Elba, il 2008 sarà ricordato come un anno di crisi per il turismo, di problemi irrisolti, di “addio” commoventi, e di fenomeni metereologici devastanti. Ma andiamo per gradi, o meglio, per mesi.

GENNAIO – L’anno comincia sulle note di un concerto Gospel a Portoferraio, ma si intristisce subito per salutare la scomparsa di Paolo Locatelli, protagonista di una politica d’altri tempi. La cronaca ci racconta la storia di un peschereccio affondato al Molo Gallo, di un dispositivo – il t – red – di cui gli elbani cominciano a fare la conoscenza a loro spese, e di un caso di meningite che stava per far salire la preoccupazione sull’isola. L’Apt programma la nuova stagione turistica, e progetta il proprio trasferimento alla Gattaia. Il commissario Alessandro Drago lascia l’Elba, e viene sostituito dal vice questore Corrado Mattana. Ma soprattutto due sono le cose da ricordare: il corteo di protesta dei lavoratori Moby contro il trasferimento dall’Elba, e un tristissimo avvenimenti dall’altra parte del mondo, in Thailandia. La tragica fine di Anna e Francesco commuove tutta l’isola.

FEBBRAIO – Si combatte il freddo dell’inverno festeggiando il carnevale e la lotteria di Natale della Croce Verde, come sempre ricca di regali e di spettacolo. All’Elba il nuovo segretario del Partito Democratico, il marinese Federico Mazzei. La tv fa festa allo sport elbano celebrando il premio Sportman, a Portoferraio si progetta il futuro riscoprendo il passato: il restauro di Forte Falcone si incrocia con la presentazione del progetto della nuova portualità cittadina. Il passato torna a galla, più o meno pericolosamente ma con indiscusso fascino: alla Linguella fa capolino una bomba della seconda guerra mondiale, a Marciana Marina riemerge – ma solo attraverso le immagini – il relitto del Nasuto.

MARZO – La bomba di Portoferraio viene disinnescata e fatta brillare, bloccando la città per una mattinata intera. A scoppiare sono invece altri problemi: quello dei trasporti marittimi e la questione dei fanghi di Bagnoli, trattati entrambi da due consigli comunali aperti. Esplode anche, è il caso di dirlo, il problema del Peep di Campo, case popolari di nome ma non di fatto. Che dire, inoltre della polemica sui consorzi di bonifica, che si trascinerà a lungo. Arriva la campagna elettorale con i “soliti” protagonisti e il consueto gioco delle parti, più gradita – sicuramente – l’apparizione di un branco di delfini alle Ghiaie, ad annunciare la primavera in mare. Mille mani si incaricano di ripulire Pianosa, anche se ci sarà bisogno di un pio intervento mesi dopo per portare via la spazzatura…lo sport dà il meglio di sé stesso a Marciana Marina con Eleonora per Vincere, si inaugura la pista di atletica a San Giovanni, a Porto Azzurro si corre la seconda edizione del Rally Ronde fra l’entusiasmo di centinaia di appassionati. Ma proprio Porto Azzurro resta col fiato sospeso per un traghetto impazzito, che sconvolge la routine di una tranquilla sera di marzo

APRILE – Un mese apparentemente tranquillo: è il mese delle elezioni politiche, e del cambio di guida a livello di governo centrale. Gli elbani – che già prima dell’inizio della stagione percepiscono che qualcosa non va – provano a rilanciare l’economia attraverso il Gruppo Operativo di Azione Locale: enti, associazioni e componenti sociali politiche si uniscono in un GOAL che – finora – non ci pare essere ancora stato segnato. Quelli che erano stati definiti come i pirati inglesi che saccheggiarono il Polluce vengono assolti dal tribunale di Portoferraio, mentre l’architetto empolese Sandra Maltinti, protagonista suo malgrado della stagione degli scandali portoferraiesi del 2004, presenta il suo libro, che dell’assoluzione non parla direttamente ma quasi la annuncia, a distanza di pochi mesi. Due gli eventi da ricordare, legati a due simboli – per un verso o per l’altro – della nostra isola.

MAGGIO – Arrivano i primi turisti e si riaccende la speranza in una ripresa che – purtroppo – non arriverà. Arrivano invece immancabili le proteste: quelle di Portoferraio sono legate al funzionamento dell’ufficio postale unico di Via Manganaro, a Campo invece fa discutere il ripascimento della spiaggia. Portoferraio celebra con Insulae la festa delle isole minori, e con Elbaeuropa il ritorno del mercato internazionale dell’artigianato , ma soprattutto festeggia la scomparsa delle antiestetiche e contestatissime gabbie antiterrorismo nella zona portuale. Momenti ancora festosi, grazie allo sport con il Giro Podistico giunto alla diciotessima edizione e la Festa del Pulcino con i suoi colori e il suo entusiasmo. L’Elba accoglie con la sua solidarietài bimbi dell’ospedale Meyer di Firenze, Tele Tirreno Elba porta a Montecristo i giovani stagisti del progetto Alternanza Scuola Lavoro. Due personaggi stimati da tutti ci hanno lasciato all’improvviso: don Mario di Portoferraio e Franco Franchini.

GIUGNO – segno negativo per i primi 15 giorni del mese: invece dei turisti, arriva… il maltempo, che condiziona pesantemente l’inizio della stagione estiva. Nel frattempo, ancora una inaugurazione con a riscoperta delle antiche cucine delle Fortezze, la premiazione dei protagonisti dei Giochi delle isole di ritorno dalla Guadalupe con tanti successi e una promessa che purtroppo non verrà mantenuta: quella della organizzazione della edizione 2009 dei giochi all’Elba. Si celebra il rito del premio Letterario Isola d’Elba, intitolato a Raffaello Brignetti e vinto dal francese Echenoz. Esa prova a sollecitare le coscienze degli elbani sulle problematiche dello smaltimento dei rifiuti attraverso l’organizzazione di un convegno, i famigerati T – red (ormai tutti all’Elba sanno che cosa sono…) vengono disattivati, per la gioia di tutti quelli che hanno fatto ricorso contro le multe. Due gli eventi da ricordare: finalmente qualcosa si muove intorno ai blocchi Esaom, che stanno per essere spostati, mentre un incidente balneare tiene tutti col fiato sospeso.

LUGLIO – finalmente è estate. Anche se si comincia a parlare di chiusura per la Comunità Montana, l’Elba prova a dimenticare i suoi guai attraverso i grandi eventi: a Porto Azzurro arrivano i vip del Beach Tennis, e sfila la moda di tutti i giorni con Elba in Passerella. Marcello Lippi, ormai di casa da queste parti, va a trovare i detenuti del carcere. A Marciana Marina la magica atmosfera di Elba Jazz trasforma il piccolo borgo marinaro nella capitale dell’estate elbana, anche se gli imprevisti sono dietro l’angolo. Portoferraio continua a inaugurare i propri gioielli: questo mese tocca alla Gran Guardia e all’Enoteca delle Fortezze. Un evento triste e imprevisto colpisce ancora Porto Azzurro, con la scomparsa di un sub nelle acque di Punta Calamita. Due eventi da ricordare: la visita inattesa ma sempre gradita di tre balene, e la clamorosa assoluzione degli imputati dello scandalo Affari & Politica. Proscioglimento chiesto direttamente dal pm, dopo anni di calvario giudiziario. E qualcuno, come Giovanni Ageno, non può gioire della riconosciuta innocenza.

AGOSTO – Ancora un turbinio di eventi e di grandi ospiti per l’isola. Marciana ricorda Gaspare Barbiellini Amidei con lo straordinario premio giornalistico a lui dedicato, Marciana Marina stupisce con gli effetti speciali della rassegna Musica del Mondo, Portoferraio risponde con la classe e le emozioni regalate da Francesco De Gregori, e con il fascino e la moda di Notte di Stelle. I verdi fanno il loro “solito” blitz estivo a Cala dei Frati, arriva il nuovo parroco in Duomo, e viene (per ora soltanto) annunciata la Ztl – la zona a traffico limitato – di Portoferraio. Da ricordare due eventi: l’arrivo – in piena estate – dell’assessore alla Sanità regionale Enrico Rossi per tranquillizzare tutti sullo stato della nostra sanità, e un tragico incidente che segna la giornata di Ferragosto, con un marinaio morto a Portoferraio.

SETTEMBRE – Ancora eventi per provare a raddrizzare una stagione turistica zoppicante: il Festival Elba Isola Musicale d’Europa, il Ralle Elba storico, il Trofeo Vespucci, la Festa della Marina. Ci pensano però l’inizio dell’anno scolastico ma soprattutto il ritorno del maltempo a far precipitare le presenze turistiche ben sotto il livello di guardia. Buone notizie in campo sportivo, con i successi che arrivano dai campionati italiani di canottaggio e da quelli di pesca subacquea, con i tricolori delle topoline marinesi e del Teseo Tesei. Su tutti, un evento particolare, a segnalare la presenza nelle nostre acque del raro tonno rosso, e la splendida edizione di Elbadrink, all’insegna del motto “divertitevi in sicurezza”.

OTTOBRE – Tornano a trovarci, gradite ospiti, le balene. Almeno loro, ci aiutano a fare buona comunicazione. Insieme a loro le tradizioni della Festa dell’Uva di Capoliveri e la Festa della Castagna di Poggio, ma anche gli uomini di ferro del Triathlon, con Elbaman a Marina di Campo. Arriva il nuovo direttore dell’Agenzia delle Entrate, e – puntuali – le immancabili proteste contro il ministro dell’istruzione . Proteste anche da parte degli utenti, molto arrabbiati per le tasse del consorzio di bonifica. L’autunno comincia a farsi sentire, con un pesante nubifragio a Marina di Campo. Una storia triste, di uno sfratto con immagini quasi d’altri tempi. Ma a Portoferraio nel frattempo si continua a presentare progetti, come quello della Lattaia, mentre finalmente la Regione si ricorda dell’Elba inserendola nel Polo della Nautica. Fra le cose da vedere attraverso i nostri servizi, la fine della Comunità Montana e la nascita – ma sarà vero? – dell’Unione dei Comuni, e il museo subacqueo dell’Oasi degli Dei.

NOVEMBRE – Autunno da dimenticare, all’Elba, per il maltempo. Brutte notizie in arrivo per il futuro di Pianosa, si parla di riapertura del carcere ai detenuti in regime 41 bis. I sindaci si riuniscono per parlare di rifiuti, e decidono di riaprire la discarica di Literno. Portoferraio perde un pezzo della propria storia industriale, il capannone ex Acit, che viene demolito. La tv riparte con la stagione dei nuovi programmi: arriva la Rassegna Stampa, torna il Mi Dica con ospite di Fabrizio Prianti uno scoppiettante Paolo Ballerini. All’Elba nascerà il santuario delle farfalle, e porterà il nome di Ornella Casnati, che delle farfalle è stata la signora. Due eventi eccezionali: un anziano scomparso e poi ritrovato miracolosamente vivo a Rio Elba dopo tantissime ore, e un’alluvione eccezionale, che ci isola per ore dal resto del mondo.

DICEMBRE – Il nostro mare fa i conti i nubifragi che si sono abbattuti su tutta la costa toscana. Mentre i comuni litigano per l’Unione e… non si riuniscono, Portoferraio si gemella con un comune del Burkina Faso. Come dire, più facile andare d’accordo con l’Africa che col resto dell’isola. “Riccardone” Conti, assessore regionale, arriva all’Elba a rassicurarci – nemmeno poi tanto a dire il vero – sul futuro della Toremar. Mario Tozzi presenta il bilancio del Parco, annuncia la fine dell’emergenza-cinghiali, e poi va … a cena con Paolo Chillè, per la prima puntata del nuovo ciclo della trasmissione di Tele Tirreno Elba. Un giovane elbano, Andrea Giulianetti, ci lascia all’improvviso, troppo presto. Due servizi da ricordare: la bella storia a lieto fine di un cane salvato a Marina di Campo, e le frane e smottamenti che – dopo le piogge – colpiscono ormai tutta l’isola. L’ultima notizia dell’anno è l’ok della Regione a un’Unione dei Comuni che nasce fra le polemiche, restano fuori 4 Comuni, le prospettive economiche non convincono, e la richiesta è una vera Comunità dell’Arcipelago.