Quantcast
TRAGHETTI, BOSI OTTIENE UNA CORSA IN PIU' DA TOREMAR - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

TRAGHETTI, BOSI OTTIENE UNA CORSA IN PIU’ DA TOREMAR

IL SINDACO DI RIO MARINA PROTESTA PER I DISAGI SULLA LINEA A3, E SCRIVE ALL'ASSESSORE CONTI, E AL MINISTRO MATTEOLI. ALLA COMPAGNIA CHIEDE UNA PARTENZA IN PIU' PER LE FESTIVITA'. E L'AMMINISTRATORE DICE "SI"

TRAGHETTI, BOSI OTTIENE UNA CORSA IN PIU' DA TOREMAR

Il sindaco di Rio Marina Francesco Bosi – anche in seguito ai disagi che si sono verificati sulla Linea A3, l’ultimo oggi – ha scritto all’amministratore delegato di Toremar, Murrali, al ministro Altero Matteoli e all’assessore regionale Riccardo Conti.

A Toremar, dopo aver esternato “il forte disagio che patiscono gli utenti di Rio Marina, in conseguenza della riduzione dei collegamenti giornalieri con Piombino, e i disagi relativi al mancato approdo del Marmorica per guasti meccanici quanto – si legge nella lettera – per reali o presunti problemi metereologici”, il sindaco riese chiede “di tenere in maggiore considerazione questa situazione diventata insostenibile”.

Bosi chiede anche a “compensazione di quanto si è verificato, che nelle festività natalizie sia introdotta una terza corsa, almeno nei fine settimana”.
Quest’ultima richiesta sarebbe già stata accolta da Toremar che si è detta pronta a partire con la terza corsa già da questo week-end, con questi orari: da Piombino alle 5,50/8,20/14,45; da Rio Marina alle 6,55/9,50 e 16,25.

Al ministro Matteoli e all’assessore regionale Conti, il sindaco Bosi chiede invece “di sopperire con specifici finanziamenti ai problemi che incontra la Toremar per cercare di mantenere inalterato il livello dei servizi, la cui riduzione – si legge ancora nella lettera – sta arrecando alla popolazione del versante orientale dell’isola d’Elba, notevoli, talvolta insostenibili, disagi”. “D’altro canto – spiega ancora Bosi nella lettera– la società Toremar riferisce che non è autorizzata dal competente ministero a sostenere maggiori oneri rispetto ai precedenti esercizi finanziari, e che – conclude il sindaco di Rio marina – da parte della regione Toscana, si manifesta contrarietà a sopperire con i propri contributi finanziari”.