LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

PEEP, SI’ UNANIME: 110 ALLOGGI DI EDILIZIA POPOLARE

PERIA: ABBIAMO CHIESTO ALTRI 2MILA MQ AL DEMANIO, 1000 INSUFFICIENTI

PEEP, SI' UNANIME: 110 ALLOGGI DI EDILIZIA POPOLARE

E’ stato approvato, dopo 20 anni dall’ultimo, il nuovo piano di edilizia popolare abbiamo chiesto al sindaco di Portoferraio Roberto Peria di farci raccontare di che cosa si tratta e quali saranno i tempi e i modi della sua attuazione.

“E’ un piano per le famiglie di Portoferraio – ha detto Peria – sono oltre 110 alloggi prima casa, quindi stiamo dando risposte concrete alle famiglie. Io vorrei ringraziare la maggioranza e la minoranza consiliare – ha aggiunto – perchè siamo riusciti a lavorare insieme al di là delle nostre appartenenze politiche per il bene della nostra città. Siamo riusciti, inoltre, ad approvare il Peep con un mese di anticipo rispetto alle scadenze che ci eravamo dati, nel mese di dicembre definiremo il regolamento per l’assegnazione delle aree alle cooperative, dopodichè partiranno le procedure espropriative con cui daremo alle cooperative la possibilità di costruiresulle aree.

“In questo quadro – ha proseguito il sindaco – si inserisce anche l’accordo romano di palazzo Chigi sul riutilizzo delle caserme fra cui anche il riuso della caserma di Albereto a fini residenziali abitativi. Attualmente è previsto un intervento di edilizia libera di 1000 metri quadri, l’ente proprietario è l’Agenzia del demanio, e 1000 metri quadri di Peep per le famiglie dei militari delle forze dell’ordine. Credo che queste famiglie abbiano bisogni maggiori e ho chiesto all’agenzia del Demanio di fare un Peep da 3000 mq invece che da 1000. Abbiamo trovato l’accordo l’agenzia del Demanio è disponibile a vendere le aree dove realizzare il nuovo Peep. Io però vorrei fare di più, creare degli impianti sportivi, parcheggi e magari una ludoteca. L’Albereto è diventato nei decenni quasi un quartiere dormitorio e questa è una concezione ormai superata, bisogna sicuramente aumentarne i servizi per riqualificare questa area”.

AlFra