Quantcast
"CENTRO, ANCHE I COMMERCIANTI HANNO LE LORO COLPE" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“CENTRO, ANCHE I COMMERCIANTI HANNO LE LORO COLPE”

LETTERA: "LA DESERTIFICAZIONE AVANZA, NON DIPENDE SOLO DAL COMUNE"

"CENTRO, ANCHE I COMMERCIANTI HANNO LE LORO COLPE"

Ho letto con un po’ di perplessità l’intervento del consigliere comunale e amico Adalberto Bertucci sul centro. Lui ha fondamentalmente ragione, ci sarebbero molte cose che l’attuale amministrazione comunale dovrebbe fare ma non fa per risollevare le sorti sia del centro storico che di Portoferraio tutta (pedonabilità penosa e in alcuni casi completamente assente, intere strade senza illuminazione, piste ciclabili manco a parlarne, ecc.) ma a riguardo dovremmo aprire non una semplice parentesi, ma scrivere un poema.

Per quanto riguarda le lamentele dei commercianti, però mi viene spontaneo farmi la seguente domanda: Ma siamo veramente sicuri che i commercianti del centro storico di Portoferraio abbiano bisogno di incrementare i loro incassi? Mi chiedo questo perché domenica 16
novembre mi sono recato nel centro storico per fare una passeggiata pomeridiana (erano circa le ore 17), quando ho avuto sete e vi posso assicurare che l’unico modo che ho avuto per potermi dissetare è stato
tornare a casa; in tutto il centro storico non c’era neppure un bar aperto, vi dirò di più, nonostante una massiccia presenza di persone che passeggiavano per il centro (possibili acquirenti di quei negozi), le
uniche due attività commerciali aperte erano “Il libraio” e il tabacchino che si trova sulla calata. Aggiungo altro; da vari inverni molte attività di ristorazione della calata chiudono i battenti a fine ottobre e li riaprono a Pasqua (un’attività commerciale deve sicuramente essere redditizia per
l’imprenditore che la gestisce, ma deve anche dare un servizio alla cittadinanza) forse non hanno bisogno di lavorare o forse non li interessa minimamente di avere come avventori i cittadini portoferraiesi bastandoli sfruttare i turisti nel periodo estivo.

La Calata mette una tale tristezza che ti viene voglia di tutto tranne che andare in centro storico a passeggiare e magari fare qualche acquisto, basta andare in Versilia (anche loro vivono di turismo) e troviamo tutte le attività della passeggiata a mare aperte la domenica pomeriggio anche nel periodo invernale. Io non ho la benché minima presunzione di conoscere la soluzione per i problemi di Portoferraio, però penso che l’amministrazione comunale di Portoferraio abbia le sue responsabilità, ma anche che i commercianti dovrebbero fare un po’ di autocritica e verificare quali siano le loro
responsabilità nella “desertificazione” del centro storico.

Enzo Dannoli, un semplice portoferraiese affezionato alla sua città