LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

FOSSI, ALESSI: “SENZA LAVORI POTEVA ANDARE PEGGIO”

LA COMUNITA' MONTANA AL COORDINATORE PROVINCIALE DI FI ZINGONI: IL CONSORZIO DI BONIFICA ELBANO NON C'E', DUNQUE NON PUO’ ESSERE CHIUSO

FOSSI, ALESSI: “SENZA LAVORI POTEVA ANDARE PEGGIO”

La Comunità Montana risponde al coordinatore provinciale di Forza Italia-Pdl, Maurizio Zingoni, dichiarazioni polemiche sulla pulizia dei fossi. Per Alessi affermazioni “dovute evidentemente alla scarsa conoscenza del territorio elbano e delle sue istituzioni, corre l’obbligo di una rettifica e di ribadire quanto più volte comunicato ai media”. scrivono dalla Comunità Montana –

“All’Elba non esiste un consorzio di bonifica elbano – precisa la Comunità Montana – bensì, un ufficio Tutela del Territorio istituito in seno alla Comunità Montana in applicazione alla LR 34 del ’94, risparmiando in tal modo i costi di costituzione di un ente consortile. Le auspicate chiusure dei Consorzi – spiegano dall’ente – quindi, non riguarderebbero l’Elba e l’Arcipelago. Questo ufficio, assieme ai Comuni, ha individuato le priorità di manutenzione sui Fossi (oltre 600 km complessivi), e le ha in gran parte eseguite”.

“Sono già trenta gli interventi sui fossi ad oggi effettuati – ribadisce Alessi – di cui otto nel Campese (con ulteriori re-interventi anche dopo il 24 ottobre). Questi lavori sono stati eseguiti con risorse della Comunità Montana in attesa, come poi avvenuto secondo le modalità previste dalla legge, di emettere i ruoli. Un’altra decina di manutenzioni – continuano dalla Comunità Montana – su altri corsi d’ acqua sono già progettate e saranno avviate non appena disponibili le risorse necessarie”.

“Riesce difficile capire – ripete Alessi – come si possa reclamare sicurezza per il territorio e, nel contempo, seminare dubbi sull’importanza dei contributi indispensabili a garantirla. Forse si potrebbe cominciare a pensare – concludono dalla Comunità Montana – che senza i lavori effettuati sarebbe potuta andare davvero molto peggio”.