Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

PORTI, MANCUSI: “ECCO PERCHE’ LANERA SBAGLIA”

DAL CIRCOLO RIESE AL COORDINATORE CHE HA CRITICATO IL SISTEMA DUALE: "SE AVESSE VALUTATO L'ACCORDO DA DIRIGENTE ELBANO AVREBBE CAPITO, MA LA VICENDA E' UN'OCCASIONE DI CRESCERE COME PUNTO DI RIFERIMENTO"

PORTI, MANCUSI: "ECCO PERCHE' LANERA SBAGLIA"

Da Rio Marina una stoccata al coordinatore del partito, Luigi Lanera. La questione è quella dei porti: il protocollo d’intesa sottoscritto da Comuni e App, che sancisce – per l’Elba – il sistema portuale duale Portoferraio-Rio Marina. Un accordo che Lanera ha criticato parlando di “distruzione” dell’attuale specchio acqueo piaggese.

“E’ stata una vera sorpresa leggere l’intervento di Luigi Lanera” – scrive Giancarlo Mancusi, che si firma presidente del circolo di Rio Marina. “L’accordo – ricorda Mancusi – è stato sottoscritto da tutti i Comuni dell’Elba e riguarda principalmente lo sviluppo del porto di Rio Marina, e la sua consacrazione come secondo scalo elbano, centrale nelle strategie di crescita del comparto elbano”.

“Il circolo di An di Rio Marina – scrive Mancusi – ma soprattutto i simpatizzanti e gli elettori, ritengono che sia una grande opportunità di sviluppo economico per il paese, e anche per il definitivo recupero ambientale di un’area interessata da decenni di attività industriali legate all’escavazione e alla caricazione del minerale. Un’area che sarebbe in questo modo recuperata nel solco della vocazione storica del paese, che è marinaresca e commerciale, come Lanera sa senz’altro”.

Poi le stoccate finali: “Se Lanera avesse valutato la questione da dirigente elbano del partito, quale risulta in virtù di una nomina degli organismi provinciali – aggiunge il circolo locale – avrebbe senz’altro compreso meglio il suo significato e la sua rilevanza”. Ma “senz’altro il circolo di An e i militanti restano disponibile a illustrare a Lanera i punti qualificanti dell’intesa, le opportunità che rappresenta e le garanzie che contiene”.

“Dal punto di vista politico – conclude Mancusi – questa vicenda sarà senz’altro un’occasione di crescita, per un coordinamento elbano che voglia davvero rappresentare un punto di riferimento degli elettori e dei militanti del partito, anche in vista degli appuntamenti che lo attendono”.