Quantcast
ORA UNIONE, POI LEGGE SULLE COMUNITA' D'ARCIPELAGO - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

ORA UNIONE, POI LEGGE SULLE COMUNITA’ D’ARCIPELAGO

di Lorenzo MARCHETTI (Partito democratico)

ORA UNIONE, POI LEGGE SULLE COMUNITA' D'ARCIPELAGO

Non è giusto umiliarsi per essere sottoposti alle normative sulla montagna: vivere su un’isola è diverso dall’abitare fra una catena di monti. Allora, se il primo obiettivo è la nascita dell’unione dei comuni dell’arcipelago toscano, il secondo è una norma nazionale che individui le comunità d’arcipelago come poli dello sviluppo sostenibile capaci di dare forza alle vocazioni economico-sociali e valorizzarne le risorse specifiche di quel territorio. Sono certo che l’Ancim, attraverso la sua presidente Catalina Schezzini, farà la prossima mossa.

Non chiediamo “assistenzialismo”, ma che siano date a noi isolani le stesse occasione dei cittadini che vivono sulla terraferma. Ecco perché c’è bisogno di un ordinamento dove lo Stato riconosca l’insularità quale causa di svantaggi strutturali che ostacolano lo sviluppo economico e sociale delle isole minori, e predisponga un apposito fondo per l’evoluzione delle piccole isole. Tutto ciò con obiettivi di valorizzazione e di pari opportunità: dalla tutela della salute alle agevolazioni relative ai trasporti marittimi e aerei, dal rifornimento idrico allo smaltimento dei rifiuti, dalla promozione alla qualificazione dell’offerta turistica, dal diritto allo studio alla formazione professionale. L’on. Silvia Velo, nei mesi scorsi, ha ripresentato la proposta di legge: “Disposizioni per favorire lo sviluppo sostenibile delle isole minori”. Su quest’azione c’è bisogno di aprire un dibattito, ampio e sereno, che dagli enti del territorio coinvolga le parti sociali e le categorie economiche, nonché le forze politiche e i singoli cittadini.

La legge “Velo” è una buona base di partenza, ma deve essere discussa e, se necessario, modificata e ampliata. Intorno a questo articolato si deve ottenere il massimo consenso, senza strumentalizzazioni di parte, affinché si abbia finalmente una normativa a favore di tutti gli abitanti delle piccole isole.